Giorgio Fedele

Madre Basilea (Klara) Schlink

MADRE BASILEA (KLARA) CRONOLOGIA SCHLINK

1904 (21 ottobre): Klara Schlink nasce a Darmstadt, in Germania.

1914 (agosto): la Germania invade la Francia attraverso il Belgio e il Lussemburgo.

1919 (28 giugno): i leader delle potenze centrali, compresa la Germania, ammettono la colpa per la prima guerra mondiale e accettano sostanziali sanzioni finanziarie al Trattato di Versailles.

1922: Schlink subisce una grave malattia e vive un'esperienza di conversione definitiva.

1923: Schlink si iscrive all'Evangelisches Fröbelseminar, Kassel.

1924: Schlink si iscrive alla Soziale Frauenschule di Berlino.

1925: Schlink si iscrive alla Bibelhaus Malche.

1926: Schlink torna a Darmstadt come collaboratore giovanile della chiesa.

1928: Schlink torna a Berlino, si laurea alla Sozile Frauenschule.

1929: Schlink entra a far parte della facoltà di Bibelhaus Malche mentre la Grande Depressione colpisce la Germania, causando una diffusa disoccupazione.

1930: Schlink inizia il dottorato in psicologia della religione presso l'Università di Amburgo.

1931: Schlink fonde le famiglie con l'amica di lunga data Erika Madauss.

1932 (luglio): il Partito nazionalsocialista (nazista) ha ricevuto più voti di qualsiasi altro partito, ma è stato molto al di sotto della maggioranza con poco più del trentasette percento dei voti.

1932, novembre: il partito nazista riceve una quota minore di voti (poco più del 33%), ma comunque più di qualsiasi altro partito. I comunisti sono arrivati ​​secondi. Queste furono le ultime elezioni nazionali tedesche libere fino a dopo il Terzo Reich.

1933 (30 gennaio): Adolf Hitler fu nominato cancelliere della Germania e poche settimane dopo un incendio doloso distrusse il Reichtsag; il paragrafo ariano che escludeva gli ebrei dai lavori di servizio civile fu istituito nello stesso anno.

1933: Schlink divenne leader nazionale del movimento studentesco delle donne cristiane tedesche (Deutsche Christliche Studentinnenbewegung, DCSB).

1934: Schlink ha conseguito un dottorato in psicologia della religione.

1935: Schlink e Madauss lasciano il lavoro, si trasferiscono nella casa dei genitori di Schlink a Darmstadt e tentano di co-fondare un college biblico, ma senza successo.

1936: Schlink e Madauss diventano co-leader di uno studio biblico per ragazze, un punto cardine della loro missione.

1939 (settembre-ottobre): la Germania invase la Polonia.

1939: Schlink inizia a lavorare part-time nei circoli di assistenza alle donne delle chiese locali e come segretaria viaggiante della Muhammedaner-Mission con sede a Wiesbaden.

1942 (20 gennaio): si tiene la conferenza di Wannsee in cui i leader tedeschi pianificano l'assassinio di massa degli ebrei europei.

1944 (11 settembre): i bombardieri alleati decimarono Darmstadt, spronando Schlink, Madauss e le loro cariche spirituali a pregare con un fervore senza precedenti.

1945 (7 maggio): la Germania si arrende all'esercito americano a Reims, in Francia.

1947: Schlink prende il nome di Madre Basilea e, insieme a Madre Martyria (Erika Madauss) e al pastore metodista Paul Riedinger, fonda formalmente la Sorellanza ecumenica di Maria a Darmstadt.

1949: The Sisterhood fonda la propria casa editrice. Schlink pubblicato Das könighliche Priestertum (Il Regio Sacerdozio), Dem Überwinder die Krone (Al vincitore va la corona), E Gewissenspiegel (Specchio della coscienza).

1950: La Sorellanza inizia la costruzione della Casa Madre, situata vicino a Darmstadt. Costruzione iniziale completata nel 1952.

1953: Schlink intraprende lunghi viaggi alla ricerca di alleanze ecumeniche.

1955, primavera: Schlink percepisce la chiamata di Dio alla Sorellanza di espandere le proprie proprietà terriere adiacenti alla Casa Madre e di costruire alloggi per gli ospiti, postazioni di lavoro, una cappella più grande e coinvolgenti giardini di preghiera a tema israeliano. La comunità si chiamava Kanaan.

1955 (autunno): Schlink si reca in Israele.

1956: Le sorelle mettono in scena la loro prima produzione drammatica, che raffigura la persecuzione degli ebrei da parte dei Gentili, al Congresso nazionale della Chiesa protestante a Francoforte.

1959: La sorellanza finì di acquisire tutta la terra necessaria per Kanaan.

1963: Schlink compie un pellegrinaggio al Monte Sinai. La Sorellanza cambiò nome in Sorellanza Evangelica di Maria (Evangelische Marienschwesternschaft).

1964: Schlink ha chiesto un rinnovamento morale nazionale, è stato respinto dai vescovi protestanti tedeschi. La Sorellanza ha collaborato con i giovani laici per lanciare Operazione Preoccupazione per la Germania.

1966: Le suore completano la costruzione di Kanaan.

1968–1983: le suore fondano dodici filiali in tutto il mondo.

1980: Schlink annuncia la cessazione di molti dei ministeri rivolti al pubblico delle suore.

1998: un consiglio direttivo di dodici sorelle ha assunto la guida della Sorellanza.

1999: Madre Martyria (Erika) Madauss muore a Darmstadt.

2001 (21 marzo): Madre Basilea (Klara) Schlink muore a Darmstadt.

BIOGRAFIA

Klara Schlink è nata in una solida famiglia borghese (Bildungsbürgertum). [Immagine a destra] Suo padre era un professore di ingegneria meccanica. Nel suo successivo libro di memorie, ha descritto il suo sé infantile come "testardo" e "ostinato", anche se ha dimostrato un potenziale di leadership iniziale nel suo regno a volte sui bambini del vicinato (Schlink 1993: 13–14). Il suo coinvolgimento nella religione era coerente con la sua posizione sociale per quella generazione, ma per il resto superficiale. Quando ha completato il suo processo di cresima nella chiesa luterana di stato (Landeskirche), ha avuto un impatto minimo sulla sua vita interiore.

Nella sua adolescenza, un attacco di grave malattia ha cambiato le cose. Al suo interno, ha vissuto quello che ha descritto come un incontro personale con Cristo crocifisso (Schlink 1993:32). Ha segnato quel momento come la sua conversione, da quel momento il suo amore per Cristo ha permeato il suo stile di vita e ogni decisione importante.

Dopo aver completato il liceo (Gymnasium), si è iscritta brevemente all'Evangelisches Fröbelseminar, a Kassel, prima di iniziare gli studi presso la Soziale Frauenschule della Inneren Mission a Berlino. In questo periodo si immerge nei canti e nei balli popolari del movimento giovanile (Jugendbewegung) che caratterizzano l'era di Weimar in Germania. Lottando per discernere un percorso lineare in avanti, trasferì i suoi studi per la terza volta in altrettanti anni, questa volta alla Bibelhaus Malche, un'accademia preparatoria per giovani donne che si preparano ad essere missionarie e assistenti del pastore (Schlink 1993: 36; Faithful 2014: 22 –3).

Ogni spostamento l'aveva portata geograficamente più lontana da casa. Forse era appropriato che l'anno successivo iniziasse un periodo di due anni come operatrice giovanile della chiesa a Darmstadt. Poi è tornata a Berlino e si è laureata alla Soziale Frauenschule. Successivamente, è entrata brevemente a far parte della facoltà di Bibelhaus Malche, dove ha insegnato tedesco, psicologia e storia della chiesa (Schlink 1993: 102–03, 115; Faithful 2014: 25–26).

Il periodo successivo della sua vita ha portato maggiore chiarezza e slancio, anche se il suo lavoro più grande è rimasto più lontano. Ha completato il suo dottorato in psicologia della religione presso l'Università di Amburgo nel 1934. Il titolo della sua tesi era "Il significato della coscienza di peccato nelle lotte religiose delle adolescenti di sesso femminile". All'inizio dei suoi studi di dottorato, ha unito le famiglie, compreso il reddito, con la sua cara amica Erika Madauss (Schlink 1993: 126–28).

Schlink divenne leader nazionale del Movimento studentesco delle donne cristiane tedesche (Deutsche Christliche Studentinnenbewegung, DCSB) poco dopo che Adolf Hitler ottenne il potere in Germania. [Immagine a destra] In tale veste, ha rifiutato di attuare il paragrafo ariano, che escludeva legalmente le persone di origine ebraica dal servizio civile, comprese le posizioni in organizzazioni legate alle chiese di stato (Landeskirchen), inclusa la DCSB. Si fermò prima di proclamare l'allineamento tra la DCSB e la Confessing Church, il movimento affiliato a Dietrich Bonhoeffer all'interno delle chiese di stato che si opponeva alla nazificazione delle chiese. La sua logica: solo i cristiani più impegnati erano pronti a fare quel salto. Si sentiva chiamata a rimanere aperta per gli studenti che erano incerti sulla loro lealtà (Schlink 1993: 128–32; Hilpert-Fröhlich 1996: 159–73).

Dopo che Schlink completò i suoi studi nel 1935, si dimise dalla guida del DCSB, Madauss si dimise dal suo lavoro ed entrambe le donne si trasferirono nella casa dei genitori di Schlink a Darmstadt. Lì i due hanno tentato di co-fondare un college biblico. Non ricevettero candidati e presto segnarono l'impresa come un fallimento (Hilpert-Fröhlich 1996: 165; Schlink 1993: 147–51).

Quello che è successo invece deve essere sembrato molto più umile all'inizio, ma alla fine si è rivelato più importante. Schlink divenne co-leader con Maudauss [Immagine a destra] di uno studio biblico per ragazze (Mädchen Bibelkreis) con sede presso la chiesa luterana di San Paolo di Darmstadt (Paulusgemeinde). Contro le ordinanze statali, i due hanno insistito nell'insegnare dalla Bibbia ebraica. Questa è la ragione principale per cui la Gestapo ha convocato due volte Schlink per l'interrogatorio (Schlink 1993: 155, 161–65, 186–87, 209).

Nel 1940, lo studio biblico era cresciuto fino a comprendere un centinaio di partecipanti, divisi in vari sottogruppi (Schlink 1993:187). Nel frattempo, Schlink ha iniziato a lavorare part-time nei circoli di assistenza alle donne delle chiese locali (Fraunhilfskreisen), che hanno fornito sollievo mentre sempre più mariti, padri, fratelli e figli partivano per il fronte. Schlink iniziò contemporaneamente un ulteriore lavoro part-time come segretario viaggiante della Muhammedaner-Mission con sede a Wiesbaden, un'organizzazione volta a convertire i musulmani al cristianesimo, sebbene Schlink sembra non essere stato direttamente coinvolto in tale compito. Durante i suoi viaggi in tutta la Germania in quel ruolo, ha ampliato la sua rete di contatti in circoli metodisti, pentecostali e altri circoli di "chiesa libera", cioè non affiliati alle chiese di stato (Landeskirchen). Fu così che conobbe il pastore metodista Paul Riedinger, che servì come mentore spirituale (Schlink 1993: 183–85, 205, 213).

Il bombardamento alleato di Darmstadt nel 1944 produsse una notte di fervente preghiera per Schlink, Madauss e per i partecipanti ai loro studi biblici. Schlink in seguito attribuì a quell'evento il punto di svolta nelle loro vite, ponendo le basi per l'eventuale Sorellanza (Schlink 1993: 191). La maggior parte delle loro case è stata distrutta ma, fisicamente, le donne sembrano essere rimaste illese. La casa della famiglia Schlink era sufficientemente intatta da servire da rifugio per diverse dozzine di giovani donne durante i mesi successivi.

Poco prima che l'esercito tedesco consegnasse Darmstadt agli alleati, Schlink e Madauss guidarono un ritiro di più giorni in campagna per molte delle giovani donne, insieme al pastore luterano Klaus Hess, uno stretto collaboratore di Paul Riedinger. Ciò ha rappresentato un ulteriore punto di svolta, poiché un nucleo centrale di giovani donne particolarmente impegnate ha iniziato a fondersi (Faithful 2014: 32–33).

Nel 1947, rispettivamente con i nomi di Mother Basilea e Mother Martyria, Schlink e Basilea fondarono formalmente la Sorellanza Ecumenica di Maria (Ökumenische Marienschwesternschaft). [Immagine a destra] cura pastorale per le suore (Schlink 1993:220–21; Faithful 2014:39).

Come attesta il loro primo resoconto pubblicato sulla fondazione, il loro carisma (la loro missione come ordine) conteneva molte dimensioni: un equilibrio tra contemplazione e azione, tra vita comunitaria, servizio sociale (Diakonie) e preghiera. Anche all'inizio, quest'ultimo conteneva significative inteIcessioni "per il nostro popolo (Volk)" (Marienschwestern 1953: 35).

Entro due anni, ora con trentacinque membri, la Sorellanza aveva fondato la propria casa editrice (Marienschwestern 1953: 39). [Immagine a destra] Madre Basilea ha pubblicato i suoi primi tre trattati: Il Regio Sacerdozio (Das königliche Priestertum), Al vincitore va la corona (Dem Überwinder die Krone), E Specchio della coscienza (Gewissenspiegel). Ciò segnò l'inizio del vasto ministero della stampa delle sorelle, in gran parte costituito da volantini, opuscoli e libri aggiuntivi di varia lunghezza, composti quasi esclusivamente da Schlink (Schlink 1949, 1995, 1972).

Nel 1950 la Sorellanza ricevette in dono un appezzamento di terreno dalla famiglia di una delle prime sorelle. Era abbastanza grande da ospitare la nuova Casa Madre delle suore e l'annessa Cappella della Sofferenza di Gesù. Nello spirito delle "donne delle macerie" (Trümmerfrauen) del dopoguerra, le sorelle eseguivano da sole gran parte del lavoro manuale.

Schlink ricevette un'udienza privata nel 1953 con Papa Pio XII (p. 1939–1958), la cui risposta a Hitler e il cui trattamento degli ebrei è stato oggetto di aspre critiche negli ultimi anni. Tornata in Germania, ha intrapreso un "viaggio di riconciliazione" per incontrare i leader di vari gruppi protestanti da cui la Sorellanza si era estraniata durante la guerra.

L'anno successivo, dopo un periodo di intensa e prolungata preghiera in solitudine, Schlink concluse che Gesù aveva sperimentato continue sofferenze a causa del maltrattamento dei cristiani nei confronti degli ebrei, “il popolo del suo amore speciale” (Schlink 1993: 340). Da quel momento in poi, gli ebrei divennero una priorità dominante negli sforzi di Schlink.

Nel 1955, nonostante i significativi divieti contro la maggior parte dei tedeschi gentili, Schlink e Madauss si recarono in Israele. Sulla base dei bisogni che percepivano, accettarono di assegnare lì due suore come personale ospedaliero a tempo pieno e non retribuito. Negli anni a venire, Schlink capì di aver ricevuto una visione da Dio per costruire lì una casa di cura per i sopravvissuti all'Olocausto (Schlink 1993: 344–48; Faithful 2014: 70). Schlink ha guidato gli sforzi di raccolta fondi e ha assegnato altre sorelle a servire in Israele, trasformando questa visione in realtà.

Tornata in Germania, dopo un altro prolungato ritiro personale, ha proclamato una visione per Kanaan, un vasto complesso per circondare la Casa Madre a Darmstadt. Comprenderebbe giardini di preghiera ispirati ai paesaggi di Israele-Palestina e una cappella più grande, per ospitare servizi di culto pubblico e produzioni drammatiche (Schlink 1993: 361; Faithful 2014: 70–71).

Nel 1956, al Convegno della Chiesa Protestante Nazionale a Francoforte, le suore eseguirono una drammatica rivisitazione della storia della persecuzione del popolo ebraico per mano dei cristiani gentili. Per molti tra il pubblico, questo ha rappresentato un evento cruciale nella loro comprensione della complicità dei cristiani gentili tedeschi nell'Olocausto. Ciò era tanto più sorprendente, dato che la sofferenza dei tedeschi per mano degli alleati incombeva nel discorso della Germania occidentale del dopoguerra, così come i pericoli dei sovietici e le storie di successo revisioniste (cioè esagerate o fraudolente) di resistenza contro il regime di Hitler . Contrariamente ai presupposti comuni, una resa dei conti importante con l'Olocausto nel discorso pubblico tedesco era ancora lontana alcuni decenni. Solo quando i figli della generazione della guerra sono diventati maggiorenni, ciò è avvenuto in modo più sostanziale. Sotto la guida di Schlink, le sorelle rappresentano una delle prime e più importanti eccezioni (Schlink 1993: 349; Faithful 2014: 74, 143–44).

Dopo aver ricevuto la benedizione dell'arcivescovo greco-ortodosso Porfirio III, Schlink fece un pellegrinaggio al Monte Sinai nel 1963. Successivamente, una serie di eventi segnò il riorientamento della Sorellanza. La Sorellanza cambiò nome in Sorellanza Evangelica di Maria. Da un lato, il nuovo nome della Sorellanza in tedesco (Evangelische Marienschwesternschaft) ha contribuito a placare le critiche di vecchia data secondo cui non erano adeguatamente protestanti (evangelisch). D'altra parte, la versione inglese del titolo segnava un deliberato allineamento con il movimento evangelico nel mondo anglofono, insieme al conseguente apocalitticismo e sionismo cristiano, che spinsero la Sorellanza ancora più lontano dalla vita della chiesa tedesca tradizionale (Schlink 1993; Fedele 2014:89–91).

Nel 1964 Schlink pubblicò il volantino E nessuno ci crederebbe, che rappresenta la sua visione per il rinnovamento morale e per l'unità dei cristiani contro la "sessualità senz'anima", una "specie di veleno [...] che si diffonde in tutto il mondo in proporzioni epidemiche" (Schlink 1967: 12, 16). [Immagine a destra] I vescovi protestanti tedeschi declinarono all'unanimità l'invito a unirsi alla sua crociata. Tuttavia, gli evangelici americani e canadesi si sono dimostrati più ricettivi, aprendo la strada a Schlink per viaggiare in Nord America. Sponsorizzato dalla Sisterhood, Operation Concern for Germany si è formato attorno a quella visione, un movimento per un gruppo impegnato di giovani laici che cercano un'alternativa a quelli che vedevano come gli eccessi della loro generazione (Faithful 2014:91–94). Posizionandosi ulteriormente come reazionaria culturale, Schlink prese posizione nei prossimi decenni contro lo yoga, il movimento New Age, la musica rock e l'Islam (Schlink 1982: 90; 1992: 18; 2001: 12; 2004: 11).

Nei decenni successivi sotto la guida di Schlink, le suore stabilirono una serie di piccole filiali in tutto il mondo oltre a quella in Israele. Includevano i seguenti (quelli con un asterisco indicano che ora sono chiusi): Phoenix, Arizona (Canaan nel deserto); Alberta (Canaan della gloria di Dio) e New Brunswick* (Canaan nei boschi), Canada; Australia (Canaan del conforto di Dio); Brasile; Paraguay; Giappone*; Sud Africa*; Inghilterra (Ritorno di Gesù); e Paesi Bassi* (Klein Kanaäncentrum). Da allora le suore hanno aggiunto Finlandia, Danimarca, Svezia, Corea, Norvegia e Svizzera al loro elenco di filiali, anche se alcune filiali precedenti sono state chiuse. Le sedi specifiche sono variate, ma il numero di filiali è rimasto stabile a dodici. Seguendo l'esempio di Schlink, hanno costruito piccole cappelle, gestite da suore o volontari laici, per testimoniare la gloria di Dio nella Svizzera rurale. Nelle Alpi bavaresi che si affacciano sul Nido dell'Aquila di Hitler, hanno eretto un monumento che celebra la misericordia di Dio (Faithful 2014: 94–95; Kanaan.org).

Dopo la sua crescita iniziale, la Sorellanza stessa ha sviluppato un numero consistente e stabile di membri (circa 120). Quando la prima generazione di suore iniziò a invecchiare, si unì a loro un numero crescente di reclute provenienti dalle nazioni in cui svolgevano attività di sensibilizzazione. Anche un ordine religioso maschile protestante, i Kanaan Brothers of St. Francis, e un ordine terziario, le Sisters of the Crown of Thorns, chiamano casa Kanaan. Anche queste filiali si sono formate sotto la guida di Schlink (Faithful 2014: 91).

Nel 1980, Schlink annunciò la cessazione di molti dei ministeri rivolti al pubblico delle suore, comprese le loro produzioni teatrali (Jansson e Lemmetyinen 1998: 120–24, 221). Il loro ministero di pubblicazione continuò a ritmo sostenuto. Alla fine della sua vita, Schlink aveva pubblicato più di cento titoli, la maggior parte dei quali tradotti in numerose lingue, anche dalle sorelle stesse. Alla fine degli anni '1990, Schlink aveva ceduto il controllo della Sorellanza a un consiglio direttivo di dodici sorelle (Faithful 2014: 95).

Nel 1999, Madre Martyria (Erika) Madauss morì a Darmstadt. Sua sorella nella fede, Madre Basilea (Klara) Schlink, è morta a Darmstadt nel 2001. Le donne sono sepolte fianco a fianco nei giardini di Kanaan vicino alla Casa Madre, circondate dai loro figli spirituali.

INSEGNAMENTI / PRATICHE

Madre Basilea Schlink ha rivolto un appello alla semplicità radicale. Amare Dio ed essere amata da Dio, questo bastava e tutti i suoi insegnamenti trovavano la loro sorgente in quella sorgente profonda. Il mio tutto per lui collocava questo insegnamento come una forma di "misticismo nuziale", con profonde radici nelle letture ebraiche e cristiane del Cantico dei Cantici (Schlink 1998:21; Jansen 2005:155–57). Un'anima fedele si arrenderebbe completamente a Cristo e lo cercherebbe come suo Sposo. Dio è degno di amore e non di un amore qualsiasi, ma altruista e sfrenato. Questo è il ritornello centrale nell'insegnamento di Schlink.

Esteriormente, questo amore semplice ma totalizzante per Dio ha assunto la forma di esortare gli altri a seguirne l'esempio. L'evangelizzazione in un contesto sempre più secolare è servito da sottotesto per tutti gli sforzi di sensibilizzazione di Schlink e delle suore. Nei loro cupi primi anni nella Germania del dopoguerra, ad esempio, spesso combinavano l'evangelizzazione con il sollievo dalla fame, l'assistenza all'infanzia e altre forme di sostegno sociale (Schlink 2007: 101–06).

Lo stile di vita monastico delle suore era un'ulteriore estensione di quella stessa semplicità di devozione. Il loro ordine era uno dei numerosi gruppi comunitari e monastici laici ecumenici e protestanti che trovarono il loro slancio in Europa durante la seconda guerra mondiale. Taizé è solo un altro esempio importante. Il trauma del conflitto ha generato una profonda fame spirituale e un riconoscimento, tra i pochi devoti che hanno ascoltato la chiamata, che gli stili di vita e le teologie convenzionali non erano adeguati per affrontare le condizioni del mondo moderno. Abiti color pastello, decorati con croci bianche prominenti, distinguevano le sorelle. Hanno giurato voti di povertà, celibato e obbedienza alla stessa Sorellanza (Faithful 2014: 3–8, 88).

Le fonti delle preghiere delle suore erano una miriade. Sulla base dei resoconti della vita a Kanaan da parte di osservatori successivi, queste preghiere sembravano essere una miscela di salmi, preghiere liturgiche luterane standard, preghiere di santi ortodossi orientali e cattolici romani, preghiere formali scritte da Madre Basilea per varie occasioni e, molto spesso, lunghe preghiere estemporanee delle sorelle stesse (Faithful 2014:81–87, 180). Il tono coerente è ciò che molti osservatori hanno trovato così sorprendente: la qualità seria e gentile dei figli che implorano il loro Padre celeste.

La preghiera, infatti, rappresenta uno degli argomenti più coerenti negli scritti di Madre Basilea. Questi includono guide in stile carismatico per la guerra spirituale, come Costruzione un muro di preghiera ed Regno degli Angeli e dei Demoni (Schlink 1999, 2002). Sebbene in gran parte in privato, la sorellanza ha abbracciato il parlare in lingue e altri aspetti della prassi carismatica sotto la guida di Schlink (Schlink 2002: 21, 41–45, 81). Tali impulsi sono esistiti nella sorellanza insieme a preoccupazioni più tradizionali, come evidente in Maria: la Via della Madre di Nostro Signore ed Vie attraverso la notte alla Santissima Trinità (Schlink 1989, 1985).

Schlink guidava spesso le suore in un processo di discernimento come segue. Di fronte a una decisione importante, cercavano Dio in preghiera, riservando ancora più tempo del solito alla contemplazione privata e alla preghiera di gruppo insieme. Sotto la guida del loro leader, le sorelle potrebbero estrarre un verso da un cesto, tipicamente ritagliato dalle parole d'ordine di quell'anno della Chiesa morava (Herrnhutter Brüdergemeine), opportunamente uno dei più antichi gruppi comunitari del protestantesimo. La guida (cioè Madre Basilea) avrebbe poi guidato le suore all'interpretazione ottimale di quelle parole, alla luce della loro percezione della guida di Dio nei loro cuori e nelle loro circostanze esterne. Di fronte alla tragedia, avrebbero implorato Dio per la misericordia insieme in preghiera. Di fronte alla percepita generosità di Dio, si riunivano per cantare di gioia. Ad esempio, hanno risposto a una vittoria anticipata, sotto forma di un generoso dono di parte della terra che sarebbe diventata Kanaan, con cori del vecchio inno "Nun Danket Alle Gott" ("Ora grazie a tutti noi, nostro Dio") ( Schlink 2007:14–16; Faithful 2014:62–64).

Nella tradizione delle “missioni di fede”, questo discernimento spesso includeva il percepire la promessa di Dio di fornire fondi specifici, terra, personale o altro materiale, e poi aspettare, confidando che Dio avrebbe provveduto. Questo apparentemente rappresentava tutta la raccolta fondi delle sorelle. Dato il modo in cui i corpi cristiani più affermati in Germania (protestanti e cattolici allo stesso modo) fanno parte di istituzioni, statali e non, profondamente radicate, ciò ha posizionato la Sorellanza in uno spazio liminale: non proprio "chiesa libera", ma istituzionalmente indipendente dal Landeskirche (a parte l'occasionale pastore preso in prestito), e costantemente in buoni rapporti con una piccola ma critica massa di persone in entrambi i circoli (Faithful 2014: 64–67).

La lettura diretta e appassionata delle Scritture di Basilea Schlink è in contrasto con l'approccio sfumato e analitico del fratello maggiore, teologo ecumenico e professore dell'Università di Heidelberg Edmund Schlink (1903–1984). Madre Basilea trovava poco utile per elaborati sistemi teologici. La sua era una fede seria e sincera, che risuonava con il pietismo luterano e i circoli della "chiesa libera" santità-carismatico-pentecostale da cui la Sorellanza attingeva sempre più i suoi membri (Faithful 2014: 89-95). Dal suo punto di vista, il sola Scriptura semplicemente non aveva bisogno di essere particolarmente complicato.

Schlink predicava la colpa nazionale collettiva dei tedeschi contro "il popolo eletto di Dio, gli ebrei". Tutti i tedeschi erano colpevoli dell'Olocausto (Schlink 2001:9–15). Nessuna delle loro mani era pulita. A tal fine, le anime sacerdotali come quelle delle suore dovevano offrire sacrifici spirituali, intercedendo nel pentimento a favore della loro nazione peccatrice. In tal modo potevano sperare di trattenere l'ira di Dio che la Germania si era sicuramente guadagnata.

Non dovrebbe sorprendere, quindi, che un fardello particolarmente forte di purezza morale ricadde sulle suore. L'ordine praticava l'antico capitolo benedettino delle colpe (Faithful 2014:88). Un tempo comune negli ordini cattolici prima del Vaticano II, era un processo in cui i membri più anziani dell'ordine confrontavano regolarmente e formalmente i più giovani con i loro presunti difetti spirituali. Quest'ultimo non avrebbe altra scelta che accettare le critiche e promettere il pentimento.

Meno sorprendente, ancora, è che gli insegnamenti di Schlink sul popolo ebraico situassero lei e la Sorellanza come parte del sionismo cristiano. [Immagine a destra] Secondo i presupposti generali di quel movimento in crescita, il ritorno del popolo ebraico nella Terra Promessa ha annunciato la fine dei tempi, in cui il popolo ebraico si sarebbe convertito in massa al cristianesimo prima di una battaglia finale tra Cristo e l'anticristo (Smith 2013:7-23). Niente di tutto ciò è esplicito negli insegnamenti di Schlink, ma i temi e il tono apocalittici del suo lavoro, insieme alle sue trasmissioni in prossimità di sionisti cristiani meno ottimisti sulle reti televisive evangeliche negli Stati Uniti, la collocano comunque all'interno di quel movimento libero. Nella loro presunta opposizione apocalittica a Israele, "i paesi arabi e i paesi comunisti" furono messi insieme come "le nazioni senza Dio", un ricorrente tropo sionista cristiano (Schlink 1986: 16).

Anche la profezia aveva un posto di rilievo negli insegnamenti di Schlink. Anche se non si è etichettata come profeta, ha fatto affermazioni sul futuro. Ad esempio, ex suore hanno affermato che Madre Basilea ha anticipato la persecuzione dei cristiani in Germania e la distruzione di Kanaan (Jansson e Lemmetyinen 1998:120–28; Faithful 2014:94). Alcune delle affermazioni di Madre Basilea sulla stampa sono precise, ma vaghe, come l'affermazione che “siamo entrati negli ultimi tempi” (Schlink 1986:43). Ma nello stesso respiro potrebbe offrire dettagli così qualificati da eludere la conferma: “Nessuno sa quanto tempo o quanto breve sarà il tempo che intercorrerà tra la Guerra dei Sei Giorni e la prossima guerra, che potrebbe essere quella decisiva profetizzata da Ezechiele. Tuttavia, dobbiamo presumere che il lasso di tempo sia breve” (Schlink 1986:57). Tale sfumatura retorica ha fatto sì che sembrasse che le previsioni di madre Basilea si fossero avverate. Allo stesso tempo, lo sta dicendo La fine è vicina è fuori catalogo da tempo (Schlink 1961).

La fusione dei vari elementi di questa spiritualità ha preso forma fisica in Kanaan (Evangelishe Marienschwesternschaft 2022). E come quella spiritualità, gli stili degli elementi che costituiscono l'ambiente costruito di Kanaan rappresentano allo stesso tempo un insieme unificato, fondamentalmente semplice nel suo ethos, e un bricolage eclettico, pieno di sculture, rilievi, murales, paesaggi meticolosi e ampie panchine e scatole di opuscoli scritti da Madre Basilea. La Via del Trionfo di Dio apre la strada al parco, fiancheggiata da pietre commemorative, incise con i nomi e le date di eventi significativi nella costruzione di Kanaan. I visitatori dei giardini di preghiera possono bere dalla Fontana del Padre; ricordare la nascita di Cristo nella grotta di Betlemme; contemplare gli insegnamenti di Cristo sul Monte delle Beatitudini vicino al Mare di Galilea, un modesto stagno; cerca l'illuminazione sul monte Tabor, una piccola collina; inginocchiarsi in segno di pentimento davanti a un crocifisso a grandezza naturale nella Cappella neogotica della Sofferenza di Gesù, dove le suore commemorano la Passione con il pubblico ogni venerdì; contemplare ulteriormente i sacrifici di Cristo al proprio ritmo nel Giardino della Sofferenza di Gesù; e gioire per la vittoria di Cristo nella cappella modernista della Proclamazione di Gesù, il luogo del culto domenicale e dell'occasionale “celebrazione del cielo”, in cui le sorelle agitano fronde di palma mentre cantano, giubilanti per la promessa del Regno a venire. Qualcuno potrebbe dire che l'architetto era Schlink. Lei, tuttavia, sosterrebbe che il vero architetto era Dio.

COMANDO

Madre Basilea era allo stesso tempo ferma e gentile, plasmando la sua Sorellanza come un'audace visionaria e come sedicente intermediaria passiva della mano di Dio (Schlink 1993: 302; Faithful 2014: 62–4). Questo paradosso, tra i progetti di Schlink e la sua completa resa al divino, permea le sue auto-descrizioni nel suo libro di memorie e nei successivi insegnamenti stampati. Madre Martyria si occupava della pastorale quotidiana della Sorellanza, mentre Madre Basilea scriveva, faceva ritiri in solitudine e girava il mondo. Il lavoro di Schlink era allo stesso tempo indipendente e totalmente dipendente dal sostegno della sua cogenitrice spirituale, Madre Martyria, e dei loro figli.

Il suo controllo sulla Sorellanza, sebbene gentile, era incontrastato, alcuni direbbero assoluto (Jansson e Lemmetyinen 1998: 38). Anche al pubblico laico, questo è chiaro in modi sottili nei materiali scritti delle suore. Ogni breve versetto biblico distribuito dalla Sorellanza sarà probabilmente accompagnato da qualche ulteriore citazione di Madre Basilea, a titolo di interpretazione. Le targhe che abbinano le sue parole con le parole delle scritture abbondano a Kanaan. La sua autorità all'interno della Sorellanza sembra essere seconda solo all'autorità di Dio.

Problematiche / sfide

Sotto una semplicità esteriore, gli insegnamenti, le pratiche e la leadership di Schlink incarnano una diversità eclettica, piena di tensioni e occasionali contraddizioni.

Per tutta l'esistenza delle sorelle, a partire da Schlink, sono state in contrasto con le correnti dominanti della società tedesca del dopoguerra. Inizialmente, era il fervore del loro impegno per Cristo. Poi, ancora all'inizio, fu l'insistenza di Schlink sulla colpa collettiva tedesca per l'Olocausto. Ciò ha raccolto una significativa attenzione nazionale e ha posizionato la Sorellanza all'avanguardia nell'allontanare la società della Germania occidentale dalla mera sopravvivenza e dall'interesse personale nazionale. Un ipotetico percorso in avanti, in cui le sorelle avrebbero potuto sostenere la loro rilevanza, sarebbe stato quello di portare a casa quel punto: ribadire ancora e ancora alla generazione della guerra la loro complicità attraverso la loro inerzia e il loro, a volte, sostegno attivo e coinvolgimento nel peccati del Terzo Reich. Invece, Schlink ha aggiunto a questa preoccupazione una linea dura contro la rivoluzione sessuale e le priorità della generazione degli anni '1960 scritte in grande (Schlink 1967: 11–33; Faithful 2014: 92–94). Ciò è servito, per la maggior parte, ad alienare la generazione più giovane e in generale a isolare la Sorellanza, con notevoli eccezioni tra gli ardenti alleati.

Ironia della sorte, la retorica e il quadro concettuale di Schlink riguardo a Israele erano essi stessi venati di nazionalismo. [Immagine a destra] “Il popolo tedesco (Volk) aveva peccato contro il vero popolo eletto di Dio (Volk), gli ebrei” (Schlink 2001:8; cfr. Schlink 1956:7). Tali costruzioni fondevano i tedeschi con i cristiani gentili della Germania e "gli ebrei" con tutti gli ebrei e gli israeliani razziali/etnici, insieme concepiti come un tutto monolitico, per non parlare delle numerose vittime ebree dell'Olocausto che erano anche tedeschi. Con radici sia nella sua lettura della Bibbia ebraica che nel pensiero nazionalista tedesco dei due secoli precedenti, Schlink ha insistito sul fatto che ogni popolo nazionale (Volk) avesse un'agenzia morale e una relazione distinta con Dio (Faithful 2014: 114–26).

Oltre a ciò, il sionismo cristiano di Schlink ha una serie di problemi. Il più notevole è il tacito presupposto che gli ebrei debbano convertirsi al cristianesimo per ricevere la salvezza e che siano pedine, per così dire, nel gioco finale escatologico di Dio. Come per gran parte del resto del sionismo cristiano di Schlink, questo è sottotesto piuttosto che testo. Ma per alcuni osservatori ebrei della Sorellanza, tali aspettative implicite sono sembrate evidenti (Faithful 2014:77–80).

Il primo impegno di Schlink per l'unità interconfessionale era evidente nel nome della Sorellanza Ecumenica di Maria. Tuttavia, questo sembrava perso, o almeno diminuito, nel passaggio a diventare la Sorellanza evangelica (Evangelische) di Maria. L'ecumenismo è rimasto a un certo livello. Dopo tutto, erano suore protestanti. Ma data la minore importanza del movimento ecumenico e la svolta a sinistra, forse non dovrebbe sorprendere che Schlink abbia cercato altrove cristiani che la pensano allo stesso modo. I suoi programmi sono andati in onda nel mondo anglofono su reti televisive cristiane evangeliche con altri evangelisti sionisti cristiani apocalittici, molti dei quali meno gentili e meno apparentemente altruisti (Benny Hinn, ad esempio, è stato desideroso di promuovere Schlink e le sue connessioni con la sorellanza : Hinn 2017, 2022).

L'apocalitticismo genera un senso di urgenza ma, se abbinato a specificità profetiche e al prolungato rinvio della Fine anticipata, può anche generare confusione, dubbio e un senso di futilità. In vari punti, Schlink sembrava indicare l'inizio della Fine dei Tempi. Dopotutto, la Guerra Fredda si prestava a questo. Ma tali avvertimenti potrebbero, in retrospettiva, essere serviti come distrazione da altre priorità, come continuare a sottolineare le dinamiche che hanno reso possibile l'Olocausto.

Alcuni critici si sono chiesti se i successi della Sorellanza siano stati più il frutto del "miracolo economico" (Wirtschaftswunder) della Germania occidentale del dopoguerra che i miracoli di Dio, come sosteneva Schlink. Il fatto che i successi delle sorelle sembrassero essere sia questo che ultraterreno, non a dispetto della loro semplicità infantile ma a causa di essa, sembra aver irritato un certo segmento tra i seri tradizionalisti luterani. In altre parole, i suggerimenti di Dio che rispondeva alle preghiere in modi tangibili e letterali erano già abbastanza cattivi, ma le affermazioni di prova erano troppo per alcuni estranei da sopportare senza offendersi in modo significativo (Faithful 2014: 7, 82-87).

Man mano che la Sorellanza cresceva, c'era del malcontento. Una manciata di donne ha lasciato il gruppo. Alcune accuse pubblicate di pratiche emotivamente traumatiche e spiritualmente oppressive, come il Capitolo dei difetti utilizzato come strumento per sminuire le sorelle più giovani (Jansson e Lemmetyinen 1998: 38; Faithful 2014: 146). Forse alla base di alcuni degli aspetti potenzialmente problematici del ruolo di Schlink all'interno della Sorellanza c'era l'assenza di responsabilità esterna. Certo, questa è una norma in molti circoli religiosi, specialmente quelli carismatici, in cui le suore potrebbero cadere (a seconda della propria definizione di “carismatico”). Ma una supervisione troppo scarsa può portare a potenziali problemi come quelli denunciati dalle ex sorelle.

SIGNIFICATO ALLO STUDIO DELLE DONNE NELLE RELIGIONI

Madre Basilea Schlink ha alzato una voce profetica in una società inflessibile, anticipando il futuro e combattendo allo stesso tempo con il passato. Ha cofondato un movimento che, per un certo periodo, ha plasmato la Germania, contribuendo al discorso sulla giustizia per le vittime ebree dell'Olocausto in un momento in cui esistevano poche voci di questo tipo. La sua Sorellanza continua a offrire uno stile di vita alternativo per coloro che cercano di ascoltare una chiamata a una vita di radicale pentimento e devozione. Desiderosa com'era di condividere il merito con Madauss e con Riedinger, Schlink è una delle poche donne (forse l'unica) nella storia del cristianesimo a fondare un ordine religioso indipendente dall'autorità maschile e per mezzo della forza della propria leadership individuale .

Questo è stato tutto suo malgrado. Dal suo punto di vista, la sua forza non era sua più delle sue visioni per la Sorellanza e per Kanaan. Dio era la sua forza, Dio era la visione. Non era che un vaso passivo. O almeno questo è ciò che sosteneva, il suo comportamento gentile nascondeva una forza profonda (Schlink 1993: 324–25; Faithful 2014: 166–68). Una visionaria che infrange i confini e un'arci-tradizionalista allo stesso tempo, considerava la scrittura un "lavoro da uomini" (Schlink 1993: 302). Eppure è diventato uno dei suoi compiti più costanti. In qualche modo ha sfidato le norme di genere della sua generazione, anche se si è impegnata a rafforzarle negli altri.

Il fatto che sia relativamente sconosciuta al di fuori di certi circoli è una testimonianza non tanto di una mancanza di significato quanto del suo impegno a seguire la sua percezione della chiamata di Dio, a qualunque costo. Per un certo periodo, la sua stella brillò luminosa perché tutta la sua nazione potesse vederla. I suoi discepoli continuano a far risplendere la luce della sua eredità. Poche persone di qualsiasi genere possono affermare di aver realizzato così tanto.

IMMAGINI

Immagine n. 1: Madre Basilea Schlink. Foto usata con permesso.
Immagine n. 2: Klara Schlink. Foto usata con permesso.
Immagine n. 3: Erika Madauss. Foto usata con permesso.
Immagine n. 4: costruzione iniziale su Kanaan. Foto usata con permesso.
Immagine n. 5: Tipografia a Darmstadt. Foto usata con permesso.
Immagine n. 6. Madre Basilea Schlink. Foto usata con permesso.
Immagine n. 7: Due membri della Sorellanza evangelica a Talipot, in Israele, che hanno servito i sopravvissuti all'Olocausto in visita in Israele. Foto usata con permesso.
Immagine n. 8: Kanaan nel ventunesimo secolo. Foto usata con permesso.

BIBLIOGRAFIA

Evangelishe Marienschwesternschaft. 2022. Accesso da https://kanaan.org/ su 2 March 2023.

Fedele, Giorgio. 2014. Madre della Patria. New York: Oxford University Press.

Hilpert-Fröhlich, Christiana. 1996. “Vorwärts Geht es, aber auf den Knien”: Die Geschichte der christl

Hilpert-Fröhlich, Christiana. 1996. “Vorwärts Geht es, aber auf den Knien”: Die Geschichte der christlichen Studentinnen- und Akademikerinnenbewegung in Deutschland 1905-1938. Pfaffenweiler: Centaurus-Verlagsgesellschaft.

Hinn, Benny. 2022. "3 donne che erano 'una cosa sola con Dio'". https://charismamag.com/spriritled-living/woman/benny-hinn-3-women-who-were-one-with-god/ su 2 March 2023.

Hinn, Benny. 2017. “Un tempo prezioso con le Suore di Maria a Darmstadt”. Accesso da https://www.youtube.com/watch?v=dJZNxP5WfyI su 2 March 2023.

Jansen, Saskia Murk. 2005. "Misticismo nuziale (Brautmystic)." pp. 155-57 pollici Il dizionario New Westminster di spiritualità cristiana. Louisville, KY: Westminster John Knox Press.

Jansson, Marianne e Riitta Lemmetyinen. 1998. Wenn Mauern caduto…: Zwei Marienschwestern entdecken die Freiheit des Evangeliums. Bielefeld: Christliche Literatur Verbreitung.

Marienschwestern, Oekumenische. 1953. Das Tat Gott sotto la gioventù tedesca, 1944-1951. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft.

Schlink, M. Basilea. 2007 [1962]. Realità: Gottes Wirken heute erlebt. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Realtà: i miracoli di Dio vissuti oggi.)

Schlink, M. Basilea. 2004 [1975]. Christen e la fragranza dello yoga. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Cristiani e Yoga?)

Schlink, M. Basilea. 2002 [1972]. Reiche der Engel und Dämonen. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Il mondo invisibile di angeli e demoni.).

Schlink, M. Basilea. 2002 [1967]. Wo der Geist weht: Wesen und Wirken des heiligen Geistes damals und heute. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Governato dallo Spirito.).

Schlink, M. Basilea. 2001 [1989]. Musica rock: Woher – Wohin? Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Musica rock: da dove? Dove?).

Schlink, M. Basilea. 2001 [1958]. Israele mein Volk. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Israele, il mio popolo eletto: una confessione tedesca davanti a Dio e agli ebrei.).

Schlink, M. Basilea. 1999 [1995]. Costruire un muro di preghiera: un manuale per gli intercessori. Londra: pubblicazioni Kanaan.

Schlink, M. Basilea. 1998 [1969]. Tutto per uno. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Il mio tutto per lui).

Schlink, M. Basilea. 1996 [1949]. Dem Überwinder die Krone. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Al vincitore la corona.).

Schlink, M. Basilea. 1993 [1975]. Wie ich Gott erlebte: Sein Weg mit mir durch Sieben Jahrzehnte. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Ho trovato la chiave del cuore di Dio: la mia storia personale.).

Schlink, M. Basilea. 1992 [1987]. New Age dalla visione biblica. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come New Age da un punto di vista biblico).

Schlink, M. Basilea. 1989 [1960]. Maria: Der Weg der Mutter des Herrn. Darmstadt-Eberstadt: Evangelische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Maria, la Madre di Gesù.).

Schlink, M. Basilea. 1967 [1964]. E nessuno ci crederebbe: una risposta alla nuova moralità. Grand Rapids, Michigan: Zondervan. (Originariamente pubblicato in tedesco come E nessuno vorrà farlo.).

Schlink, M. Basilea. 1961. Das Ende è nah. Darmstadt-Eberstadt: Oekumenische Marienschwesternschaft.

Schlink, M. Basilea. 1956. Israele: Gottes Frage an uns. Darmstadt-Eberstadt: Oekumenische Marienschwesternschaft.

Schlink, M. Basilea. 1949. Ihr aber seid das königliche Priestertum. Darmstadt-Eberstadt: Oekumenische Marienschwesternschaft. (pubblicato in inglese come Il Regio Sacerdozio.)

Smith, Robert O. 2013. Più desiderabile della nostra salvezza [sic]: le radici del sionismo cristiano. New York: Oxford University Press.

RISORSE SUPPLEMENTARI

Greschat, Martin. 2002. Die evangelische Kirche und die Deutsche Geschichte nach 1945: Weichenstellungen in der Nachkriegszeit. Stoccarda: W. Kohlhammer.

Data di pubblicazione:
4 marzo 2023

 

Condividi