Lamont Lindstrom

Movimento John Frum

CRONOLOGIA DEL MOVIMENTO DI JOHN FRUM

1940 (novembre): l'agente distrettuale britannico James Nicol ha condotto un'indagine sul furto di capre per nutrire le persone riunite a Green Point (a sud-ovest di Tanna) che si incontravano e ballavano per John Frum. Questa è stata la prima registrazione amministrativa del nome di John Frum.

1941 (11 maggio): solo pochi convertiti della Missione Presbiteriana hanno partecipato alle funzioni domenicali; anche molti cattolici e avventisti del settimo giorno hanno boicottato le loro chiese.

1941 (1 giugno): i rinforzi della polizia di Port Vila arrestano i leader sospetti di John Frum tra cui Jack Kahu, Karua e Manehevi, tra gli altri.

1941 (luglio): i figli spirituali di John Frum (Isaac Wan, Jacob e Last Wan) apparvero ai bambini del villaggio di Ipikel (sulla baia di Sulphur).

1941-1956: le autorità condominiali continuarono ad arrestare, esiliare da Tanna e/o incarcerare i dirigenti di John Frum; Le autorità coloniali cambiarono rotta nel 1956 per non trattare più il movimento come sovversivo.

1942 (marzo): le forze americane sbarcano a Port Vila e stabiliscono avamposti militari intorno all'isola di Efate, incluso un importante aeroporto. Molti tannesi, inclusi i sostenitori di John Frum, si unirono al corpo di lavoro dei nativi americani.

1943 (ottobre): membri della New Hebrides Defense Force accompagnati da ufficiali militari statunitensi arrivano a Tanna per arrestare il leader di Green Hill John Frum Neloiag e dozzine dei suoi seguaci che stavano sgomberando un aeroporto.

1944 (dicembre): James Nicol muore in un incidente automobilistico; I sostenitori di John Frum non furono sorpresi. 1957 (gennaio): i leader del movimento Nakomaha e Thomas Nampas furono rilasciati dalla reclusione e tornarono a casa a Sulphur Bay.

1957 (15 febbraio): Nakomaha e Nampas alzano le "bandiere americane" (apparentemente bandiere rosse di avvertimento recuperate dalle discariche di carburante durante la guerra) per celebrare il successo di John Frum. Il 15 febbraio è diventata la festa annuale del Movimento durante la quale i sostenitori alzano le vere bandiere americane.

Anni '1970: i sostenitori di John Frum si impegnarono in un'azione politica, principalmente a sostegno dei partiti "moderati" (supportati dalla Francia) mentre le Nuove Ebridi si avviavano verso l'indipendenza nel 1980.1998: Song Keasipai del Partito John Frum fu eletto al Parlamento nazionale.

2000: (Profeta) Fred Nase fonda il Movimento dell'Unità, attirando seguaci sia cristiani che John Frum. L'organizzazione con sede a Sulphur Bay si è divisa in tre fazioni: quella di Fred Nase, quella di Isaac Wan (che si è trasferito nelle vicinanze del villaggio di Lamakara) e i membri rimanenti che sono rimasti nel villaggio di Ipikel.

Anni 2000: Sulphur Bay (e i balli di John Frum del venerdì sera) hanno continuato ad attirare l'attenzione dei turisti internazionali, il cui numero è molto aumentato.

STORIA DEL FONDATORE / GRUPPO

La colonizzazione delle isole del Pacifico, come altrove, scatenò numerosi movimenti di resistenza. Il movimento John Frum dell'isola di Tanna nelle Nuove Ebridi (Vanuatu oggi), nato alla fine degli anni '1930, è uno dei movimenti più importanti e di successo. Resiste oggi istituzionalizzata come chiesa e come partito politico. John Frum, almeno oggi, è uno spirito che appare ai suoi seguaci, spesso nei loro sogni, per insegnare loro a vivere correttamente e, talvolta, per predire eventi futuri. Gli incontri spirituali sull'isola rimangono comuni quando gli antenati appaiono ai loro discendenti o quando le persone incontrano spiriti non umani che abitano luoghi sacri e altre apparizioni dell'isola. Dagli anni '1930, il movimento John Frum è diventato una delle più potenti organizzazioni religiose e politiche di Tanna.

Gli isolani sostengono che lo stesso John Frum abbia fondato il suo movimento. Molteplici storie circolano sul suo avvento alla fine degli anni '1930. Alcuni affermano che fosse umano, parlasse le lingue locali ad alta voce e indossasse abiti in stile europeo. I pellegrini che lo incontrarono dove apparve per la prima volta a Green Point (nel 1940 e probabilmente prima) affermano di avergli stretto la mano. Altri insistono sul fatto che è sempre stato uno spirito, o da allora ha ripreso la forma spirituale. Le autorità coloniali dell'epoca, tuttavia, presumevano che imbroglioni ingannevoli vestissero la parte per ingannare i loro vicini, forse come strategia per attirare le fidanzate. L'agente distrettuale Nicol ei suoi successori continuarono ad arrestare, esiliare da Tanna e incarcerare leader sospetti fino al 1956. L'esercito americano durante la seconda guerra mondiale indagò se John Frum potesse essere una spia giapponese venuta a Tanna per fomentare problemi (Guiart 1956).

La voce di John Frum si diffuse rapidamente intorno a Tanna, anche se l'agente coloniale Nicol non notò la sua apparizione fino al novembre 1940. I leader di Green Point inviarono messaggeri (o "corde") lungo le strade dell'isola per diffondere il messaggio e persone da ogni angolo scesero in pellegrinaggio incontrare Giovanni. Hanno ripulito un grande campo da ballo nel villaggio di Iamwatakarek e costruito una casa rotonda in cui John riposava (o si nascondeva). I suoi nuovi accoliti si mettevano in fila di notte per stringergli la mano e sentire la sua carne. A volte, però, quando uno si allungava, svaniva.

Il nome "John Frum" (a volte Jon Frum, o John Frumm) è rimasto misterioso. La figura si è identificata come tale, e successivi commentatori hanno proposto diverse possibili origini del nome. Forse in origine si trattava di John "Broom", un essere che avrebbe spazzato via le autorità britanniche e francesi da Tanna. Oppure potrebbe essere John "From America"? Urumun, nella lingua parlata intorno a Green Point, significa "mezzo spirituale" e forse c'è una connessione semantica con Frum.

L'attività di John Frum si spostò nel 1941 dagli isolati villaggi di Green Point sulla costa sud-occidentale di Tanna al villaggio di Ipikel sulla Sulphur Bay, quando tre “figli” spirituali di John Frum apparvero a diversi bambini (Guiart 1956: 151-221). Con grande dispiacere della gente di Green Point, i giovani ambiziosi uomini del villaggio (tra cui Nakomaha, Nampas e Joshua) rivendicarono presto i migliori contatti con John Frum. Sulphur Bay da allora è stata il principale "quartier generale" del Movimento, sebbene le fazioni concorrenti di John Frum continuino ad operare. La maggior parte degli isolani negli anni '1940 ha sostenuto il movimento, abbandonando le affiliazioni alla missione cristiana. L'11 maggio 1941, solo una manciata di circa 3,000 convertiti assistevano alle funzioni domenicali. Le missioni, tuttavia, ricostruirono gradualmente le loro congregazioni e, negli anni '1950, la popolazione di Tanna era divisa in sostenitori di John Frum, cristiani recuperati e famiglie che affermavano di aderire ai rapporti tradizionali con spiriti ancestrali e altri.

L'esercito statunitense occupò le Nuove Ebridi dal marzo 1942 fino alla metà del 1946 e la maggior parte degli uomini e dei giovani dell'isola si unì ai Native Labour Corps, trasportati per lavorare nelle installazioni dell'isola di Efate (Lindstrom 1989). I portavoce di John Frum, a quanto pare, avevano previsto la futura assistenza americana nel 1941, e quindi gli isolani si aspettavano questa occupazione (Rice 1974: 176). I leader del movimento hanno successivamente preso in prestito vari elementi e pratiche militari, incorporandoli nell'ideologia e nella liturgia di John Frum. Questi includevano santuari decorati con soldati dipinti di rosso, aeroplani, croci (di ambulanze militari) e piastrine simboliche, oltre a bandiere americane, uniformi militari, antenne radio e squadre di addestramento che marciano con fucili fatti di lunghezze di bambù. [Immagine a destra] I membri del team dipingono gli USA sul petto nudo. Oltre alla celebrazione annuale del 15 febbraio, i leader di Sulphur Bay hanno anche dichiarato che il venerdì è il sabato di John Frum. Ogni venerdì "squadre" di sostenitori provenienti dai villaggi di Tanna si sono recati alla Baia per cantare inni di John Frum e ballare tutta la notte, anche se la partecipazione al Friday Sabbath è diminuita, nel 2000, quando l'organizzazione di Sulphur Bay si è divisa in tre fazioni.

Quando le Nuove Ebridi si spostarono verso l'indipendenza Vanuatu nel 1980, la concorrenza politica aumentò in tutto l'arcipelago, inclusa Tanna. In questi anni, anche il conflitto sul vulcano Iasur, situato appena a est di Sulphur Bay, si è intensificato quando le fazioni dell'isola si sono battute per il denaro che un numero crescente di turisti ha pagato per salire sul bordo della caldera. I francesi hanno coltivato i sostenitori del movimento John Frum, la maggior parte dei quali ha votato in blocco per i partiti sostenuti dalla Francia. I leader di Sulphur Bay hanno organizzato il loro partito John Frum che ha presentato candidati alle elezioni nazionali. I sostenitori hanno eletto un membro del Parlamento John Frum nel 1998 e da allora ne hanno eletti molti altri. I seguaci di John Frum nel 1980 si unirono agli sforzi secessionisti per staccare Tanna dalla nuova indipendenza Vanuatu, una ribellione repressa dalle forze governative (Bonnemaison 1994: 276-301).

Il Movimento è rimasto l'organizzazione politica più efficace di Tanna fino al 2000. Fred Nase, che aveva lavorato per alcuni anni sui pescherecci coreani, tornò a casa e iniziò a profetizzare (Tabani 2008: 179-210). Il principale contatto spirituale di Nase era la stella del mattino. Ha esortato le persone di tutte le affiliazioni religiose a riunirsi in un Movimento di unità. L'anno millenario aveva reso nervose molte persone. Tra le molte predizioni del profeta Fred c'era che il lago Siui ai piedi del vulcano sarebbe svanito. Pochi mesi dopo, durante un violento temporale, il lago traboccò la cenere vulcanica che per secoli era servita a sbarrarlo e defluì nel Pacifico. La gente è rimasta molto colpita. Fred attirò molti sostenitori cristiani di John Frum che lo seguirono per costruire la Nuova Gerusalemme, un nuovo villaggio sulla cresta a est del vulcano. I pastori cristiani e i profeti di John Frum, addolorati per la perdita dei loro greggi, hanno presentato una petizione per l'aiuto del governo e la milizia statale ha dato alle fiamme la Nuova Gerusalemme nel 2003. Fred si è ritirato in una nuova roccaforte a Port Resolution dove si è concentrato sulla cura delle persone che hanno inviato le loro fotografie al suo cellulare e dove, alcuni anni dopo, morì. Nel 2000 anche il movimento John Frum di Sulfur si è diviso, con il leader di terza generazione Isaac Wan che ha trasferito i suoi seguaci in un nuovo villaggio, Lamakara, situato appena a sud (Tabani 2008: 223). Altri seguaci rimasero a Sulphur Bay, fedeli ai leader del movimento rivale.

Nonostante queste controversie interne, il movimento è rimasto attivo come chiesa isolana e partito politico. Dal 2000, un numero crescente di turisti visita Tanna, la maggior parte per sperimentare il vulcano Iasur, un cono di cenere di tipo stromboli che spara bombe di cenere e lava nel cielo ogni cinque o dieci minuti circa (Lindstrom 2015). L'organizzazione di Sulphur Bay ha attirato l'interesse turistico sin dagli anni '1950 (visitatori che arrivano in yacht e oggi principalmente in aereo). Molti continuano a visitare Ipikel, in particolare il venerdì, e forniscono un utile flusso di entrate alle persone che vivono lì e altrove.

Dottrine / CREDENZE

I rapporti John Frum pubblicati da amministratori e missionari apparvero per la prima volta nel 1949 (O'Reilly 1949; Rentoul 1949). John Frum è apparso subito dopo che antropologi, giornalisti e altri avevano preso in prestito il termine "culto del carico" per etichettare i movimenti sociali del Pacifico, indipendentemente dalle loro particolari differenze nell'organizzazione e negli obiettivi (Lindstrom 1993). I culti del carico, presumibilmente, erano movimenti di persone che facevano rivivere pratiche rituali tradizionali, o ne ideavano di innovative, per indurre i loro antenati, le forze armate statunitensi o altre potenti forze ad arricchirli con beni materiali e denaro di produzione occidentale e (in alcuni casi ) per liberarli dalla fastidiosa dominazione coloniale. Molti commentatori classificarono con noncuranza il movimento John Frum come l'ennesimo culto del cargo melanesiano, sebbene l'antropologo Jean Guiart, che per primo studiò intensamente il movimento (1956), respinse quel termine preferendo invece etichettare John Frum un movimento "neopagano" (vedi Gregorio e Gregorio 1984).

Le storie di culto del carico hanno intrattenuto il pubblico occidentale mentre continuano a farlo oggi. I resoconti di illusi isolani del Pacifico che bramano i nostri beni e la nostra tecnologia suggeriscono perché anche noi dovremmo amare le nostre cose. Molti sostenitori di John Frum si erano uniti al corpo di lavoro indigeno durante la guerra del Pacifico e hanno osservato e spesso hanno goduto di materiale militare, e alla fine della guerra hanno davvero perso l'accesso a questi beni. John Frum ha promesso di fornire ai suoi seguaci una nuova valuta, ma questo doveva garantire la partenza di commercianti, missionari e amministratori europei da Tanna. Quando apparve per la prima volta a Green Point, John Frum profetizzò che: 1) Tanna si sarebbe appiattita e si sarebbe collegata con le vicine isole Aneityum ed Erromango; 2) tutti diventerebbero giovani e la malattia scomparirebbe; 3) nessuno ha più bisogno di lavorare in quanto fornirebbe nuovo denaro; 4) I missionari, i commercianti e gli amministratori europei insieme a persone provenienti da altre isole avrebbero lasciato Tanna; e 5) le persone devono scartare la loro valuta coloniale e far rivivere il kastom dell'isola (consumo di kava, cerimonia di ballo e poligamia) (O'Reilly 1949: 194-95).

Gli osservatori esterni spesso preferivano, tuttavia, concentrarsi sugli elementi cargoistici del movimento, sulle promesse materiali di John Frum, sebbene i suoi sostenitori fossero più interessati a un futuro senza malattie, morte e estranei impiccioni e nel far rivivere pratiche tradizionali che i missionari cristiani avevano soppresso. David Attenborough, uno dei primi visitatori, sbarcò sull'isola nel 1959 alla ricerca di un "mistero culto del carico". È arrivato con una troupe cinematografica al seguito. La BBC nel 1960 trasmise "Cargo Cult" come episodio di Attenborough's Il popolo del paradiso serie televisiva, presente anche in un libro di accompagnamento (Attenborough 1960). Attenborough ha intervistato il leader di John Frum Nampas, spingendolo a divulgare ciò che le persone del carico particolare desideravano. Potrebbero essere i frigoriferi? Camion? Aerei? Nampas, con aria perplessa, ha deviato le richieste di Attenborough.

I sostenitori di John Frum (così come quelli coinvolti nei movimenti altrove in Melanesia) si resero presto conto delle implicazioni negative del "culto del carico". Negano di essere cultisti del carico (Tabani 2014:57). Negli anni '1970, leader e seguaci sostenevano invece che John Frum fosse arrivato per garantire lo sviluppo economico e politico, facendo eco agli amministratori coloniali che poi predicavano anche la necessità di migliorare le strutture politiche ed economiche. Negli anni '1980, e ancora oggi, i seguaci sostenevano che John Frum sembrava salvare il kastom (pratiche tradizionali dell'isola di bere kava, danza, scambio coniugale e rispetto per gli spiriti ancestrali) che i missionari presbiteriani e altri cristiani avevano soppresso dal 1910, o giù di lì . La loro affermazione è probabilmente corretta poiché il movimento incoraggiava i cristiani di una volta a tornare nelle proprie terre (molti si erano trasferiti nei villaggi delle missioni costiere), di nuovo per piantare e bere kava, per celebrare eventi familiari con scambi di kava e maiali e tutta la notte danze, e comunque per rivalutare la cultura dell'isola. Questa positiva rivalutazione del kastom avvenne nel periodo pre-indipendenza, quando i leader politici celebrarono espressamente le tradizioni dell'isola come una base importante per la futura unità nazionale.

I sostenitori di John Frum si aspettavano un eventuale cambiamento sociale che avrebbe migliorato la vita dell'isola. L'esperienza in tempo di guerra ha cementato l'America come potenza trasformatrice (e un utile contraccolpo anticoloniale). Gli isolani e gli americani erano fratelli, ora più legati grazie a John Frum. Aerei, navi, sottomarini americani potrebbero un giorno tornare sulle isole, o forse i soldati americani erano nascosti all'interno del vulcano. Il movimento Americophilia è persistito fino alla fine del ventesimo secolo, quando i migliori collegamenti ai sistemi di comunicazione globali e gli attacchi americani all'Iraq e all'Afghanistan hanno offuscato la reputazione degli Stati Uniti.

Circa ottant'anni dopo l'avvento di John Frum, la maggior parte dei sostenitori non si aspetta attivamente l'atterraggio di aerei cargo o l'arrivo di navi. Piuttosto, celebrano le accurate profezie di John Frum sulla trasformazione in corso di Tanna da avamposto coloniale a un'isola vivace la cui cultura e paesaggio oggi attraggono un numero crescente di turisti internazionali. Allo stesso modo, la maggior parte dei cristiani recuperati ammette il ruolo significativo di John Frum nel recuperare e preservare il kastom dell'isola.

RITUALI / PRATICHE

I profeti e i primi leader di John Frum hanno preso in prestito rituali e liturgia da fonti cristiane, militari americane e consuetudinarie. La cerimonia principale di John Frum (a Ipikel e ora anche nei villaggi di Lamakara) si svolge il venerdì pomeriggio mentre le persone si riuniscono per ricevere le profezie di John Frum. Gli uomini preparano e consumano kava insieme e le "squadre" di John Frum cantano e ballano fino all'alba. Ogni 15 febbraio si svolge anche un'importante cerimonia, che include l'alzabandiera, le preghiere, la marcia della squadra di esercitazione e i discorsi. Nel corso degli anni, i medium del movimento hanno anche sviluppato tecniche per richiedere l'assistenza di John Frum nella cura delle malattie, nella ricerca di oggetti perduti e nel percuotere i rivali politici.

Il rituale cristiano ha fornito un modello iniziale per la cerimonia di John Frum. I leader di Sulphur Bay inventarono preghiere di gruppo davanti a croci rosse, supplicanti che offrivano fiori a John e ad altri spiriti. [Immagine a destra] Hanno preso in prestito una struttura di festa religiosa con il venerdì come giorno sabbatico di Giovanni e il 15 febbraio una celebrazione annuale simile al Natale. Diverse case di “chiesa” John Frum sono andate e venute nel corso degli anni. I cantautori, ispirati da John Frum, hanno composto centinaia di inni di movimento in uno stile legato al genere "orchestra d'archi" di Vanuatu. I sostenitori delle varie “squadre” di Sulphur Bay si riuniscono ogni venerdì per cantare gli inni di John Frum e ballare fino al sabato mattina.

La cerimonia di John Frum ha anche preso in prestito oggetti e pratiche militari statunitensi. La celebrazione annuale del 15 febbraio in particolare ha incluso squadre di addestramento composte da uomini e ragazzi che portano fucili di bambù, con gli Stati Uniti contrassegnati in rosso sul petto nudo. I leader del movimento hanno sfilato con qualunque uniforme militare avessero a disposizione. [Immagine a destra] E, almeno fino a poco tempo fa, i sostenitori hanno alzato bandiere americane e di altro tipo sui pennoni dei villaggi. Queste celebrazioni settimanali del venerdì e del 15 febbraio hanno attirato un numero considerevole di visitatori e turisti.

ORGANIZZAZIONE / LEADERSHIP

La principale organizzazione John Frum (a Ipikel e ora anche ai villaggi di Lamakara) è guidata oggi da leader di quarta generazione. John Frum è uno dei pochi movimenti sociali melanesiani che è riuscito a istituzionalizzarsi, come chiesa e partito politico, e così è sopravvissuto per diverse generazioni, nel caso di John Frum per più di ottant'anni.

In particolare gli uomini dal 1940 hanno servito come principali profeti di John Frum che controllano meglio l'accesso al suo spirito, sebbene l'autorità su Tanna sia tipicamente diffusa, a seconda del contesto e delle questioni particolari in questione. Quando Sulphur Bay attirò John Frum lontano dai profeti originali di Green Point nel 1941, la leadership passò a Nakomaha, Nampas e molti altri, con Nakomaha e Nampas che attiravano la maggior parte dell'attenzione esterna. Entrambi erano anziani negli anni '1970 quando Mwelis, Poita e Joshua presero il comando. Quando questi morirono, Isaac Wan emerse come il principale profeta di John Frum, fino a quando non fu sfidato dal profeta Fred alla fine degli anni '1990. Isaac Wan è morto il 7 novembre 2021 e gli sono succeduti i suoi figli.

Sulphur Bay nel corso degli anni ha affermato di avere "ventisei squadre" di sostenitori sparse per l'isola, e ogni squadra ha riconosciuto vari uomini più anziani come suoi portavoce e leader locale di John Frum. Gli uomini dell'isola, che hanno monopolizzato i contatti con tutti gli spiriti dell'isola, hanno anche dominato i rapporti con John Frum. Per diversi decenni, tuttavia, Lispet (Elizabeth), una delle figlie di Nampas a Sulphur Bay, ha mantenuto i propri canali con John Frum. Lo avrebbe contattato per curare le malattie, o risolvere i problemi, delle persone che le fornivano fiori e un po' di denaro. Era anche in grado di parlare un linguaggio spirituale che solo John capiva. La sua popolarità infastidiva molto i profeti maschi di John Frum.

IMMAGINI

Immagine n. 1: i sostenitori di John Frum alzano una bandiera americana, 15 febbraio 1979 (foto di Lamont Lindstrom).
Immagine n. 2: seguaci di John Frum con fiori pregano davanti alla croce rossa, 15 febbraio 1979 (Foto di Lamont Lindstrom).
Immagine n. 3: parata dei leader di John Frum, 15 febbraio 1979 (foto di Lamont Lindstrom).

RIFERIMENTI

Attenborough, David. 1960.   Popolo del Paradiso. New York: Harper e fratelli.

Bonnemaison, Joel. 1994.  L'albero e la canoa: storia ed etnogeografia di Tanna. Honolulu: University of Hawai'i Press.

Gregory, Robert J. e Janet E. Gregory. 1984. "John Frum: una strategia indigena di reazione al governo della missione e all'ordine coloniale". Studi sul Pacifico 7: 68-90.

Guiart, Jean. 1956.  Un siècle et demi de contact culturels à Tanna (Nouvelles-Hébrides).  Pubblicazioni de la Société des Océanistes n. 5. Parigi: Musée de l'Homme.

Lindstrom, Lamont. 2015. "Patrimonio culturale, politica e turismo a Tanna, Vanuatu". pp. 180-199 pollici Alternative del Pacifico: la politica culturale nell'Oceania contemporanea, modificato da Edvard Hviding e Geoffrey White. Oxford: Sean Kingston.

Lindstrom, Lamont. 1993.  Cargo Cult: strane storie di desiderio dalla Melanesia e oltre. Honolulu: University of Hawai'i Press.

Lindstrom, Lamont. 1989. "Incontri di lavoro: storie orali del corpo di lavoro della seconda guerra mondiale da Tanna, Vanuatu". pp. 395-417 pollici Il teatro del Pacifico: ricordi dell'isola della seconda guerra mondiale, a cura di Geoffrey White e Lamont Lindstrom. Honolulu: University Press delle Hawaii.

O'Reilly, Patrick, 1949. "Prophetisme aux Nouvelles-Hébrides: Le Mouvement Jonfrum à Tanna", Le Monde Non Chrétien 10: 192-208.

Rentoul, Alexander. 1949. “John Frum”: Origine del movimento delle Nuove Ebridi (lettera all'editore), Mensile delle Isole del Pacifico 19: 31.

Riso, Edoardo. 1974.  John Frum He Come: Cargo Cults e Cargo Messiahs nel Pacifico meridionale. Garden City, NY: Doubleday and Company.

Tabani, Marc. 2022. "Clés pour l'ethnologie de Tanna (Vanuatu) au travers des pérégrinations ethnographiques de Jean Guiart." Journal de la Société des Océanistes 154: 47-61.

Tabani, Marc. 2014.  John Frum: Histoires de Tanna, Sam Stori blong Tanna. Port Vila: Centro Culturale Vanuatu.

Tabani, Marc. 2008. Une pirogue pour le paradis. Le culte di John Frum à Tanna (Vanuatu).  Parigi, Éditions de la Maison des Sciences de l'Homme.

Data di pubblicazione:
1 agosto 2022

Facebook