Vagner Gonçalves da Silva

Exu (Eshu)

EXU (ESHU) TIMELINE

1700: Esistono testimonianze del periodo dell'importanza del culto di Legba (Eshu) considerato un "grande dio" e protettore dei re dell'antico Dahomey.

1741: Il più antico riferimento scritto a Exu o Legba è stato trovato in Brasile nell'"Obra Nova de Língua Geral de Mina", di Antonio da Costa Peixoto, scritto dalla lingua Ewe parlata dagli africani ridotti in schiavitù a Minas Gerais, in Brasile. In quest'opera, il termine “Leba” (Legba) è stato tradotto come “Demone”.

1800: i dizionari Yoruba-Inglese Ewe-Francese pubblicati in Europa traducono “Exu/Legba” come “Demone”. Le versioni Yoruba della Bibbia e del Corano seguirono questa traduzione.

1869: Viene fondato il Mercato Pubblico di Porto Alegre (Brasile) dove si trova il più antico insediamento pubblico di Exu (Bará) in Brasile; è stato costruito dagli africani che hanno costruito il mercato.

1885: Viene pubblicata la prima fonte in francese di un mito su Eshu e un disegno di un altare (immagine) della divinità realizzato da padre Baudin nell'Africa occidentale.

1896: viene pubblicata la prima descrizione etnografica di un insediamento (altare) di Exu a Salvador, in Brasile, dal medico Raimundo Nina Rodrigues.

1913: Viene pubblicato il primo testo sui miti Yoruba sulla creazione del mondo a cui Eshu prende parte.

1934: La prima documentazione fotografica nella letteratura brasiliana di una statua lignea di Exu con una specie di coltello in testa e che tiene due ogós nelle sue mani.

1946: un'iniziata per Exu in Brasile con i suoi abiti rituali viene ripresa fotograficamente per la prima volta.

Anni '1960 e '1970: in Brasile si formano chiese neo-pentecostali che daranno inizio a un violento movimento di persecuzione delle religioni afro-brasiliane, attraverso la demonizzazione di Exus e Pombagiras.

2013: è stata pubblicata la più grande collezione di fotografie di statue di Eshu di origine africana e afroamericana Eshu, divino imbroglione.

2022:  Exu, un dio afro-atlantico in Brasile, che analizzava la presenza di Exu in Africa e nelle Americhe e conteneva la più grande raccolta di miti Exu/Legba di origine africana, cubana e brasiliana.

STORIA DEL FONDATORE / GRUPPO

Exu o Legba è un dio messaggero, secondo il Fon-Yoruba dell'Africa occidentale. Garante della fertilità e del dinamismo, ha partecipato alla creazione del mondo e dell'uomo. È il custode dell'ordine e, per la sua natura di imbroglione, del disordine. È temuto, rispettato e lodato prima di tutti gli altri. È adorato su un pezzo di roccia (laterite), su un cumulo di terra a forma di testa umana da cui sporge un grande fallo (ogó) o una statua antropomorfa ricoperta di cipree. Dalla sommità della testa proietta una treccia o treccia, a forma di pene, o di coltello, che spesso culmina in una faccia. Tiene in mano un bastone, anch'esso a forma di pene, e lo usa per muoversi nel tempo e nello spazio. Accetta offerte di sangue (capre, galli neri, cani e maiali) e libagioni di alcol e olio di palma. Gli piace essere ricordato agli incroci e alle soglie (dove si varcano i confini) così come nel mercato (dove avvengono gli scambi).

Con l'arrivo del cristianesimo in Africa all'inizio del XVI secolo, Exu fu etichettato come un "Priapo nero" e la sua adorazione fu percepita come un atto demoniaco. I tipi di animali che gli venivano offerti erano associati a immagini usate per raffigurare il diavolo: esseri antropomorfi con corna di montone, coda e zoccoli di maiale o di capra, o un "cane nero". In effetti, le offerte che Exu "mangiava" in Africa sono composte dagli stessi animali i cui "corpi hanno plasmato il diavolo" in Europa. Uno dei risultati di questo “circolo ermeneutico vizioso” fu l'uso del termine “Exu” per tradurre la parola “Diavolo” nella versione Yoruba della Bibbia, e per sostituire “Iblis” e “Shaitan” nella versione Yoruba di il Corano (Dopamu 1990:20).

Nel diciannovesimo secolo Exu continuò ad essere condannato dai critici moderni che rifiutavano il tipo di pensiero magico che prevaleva nei culti del possesso (degli "animisti") che consacravano "oggetti-divini" ed esaltavano il sacro attraverso la musica, la danza e l'umano corpo. Le religioni che non avevano subito alcuna forma di secolarizzazione, burocratizzazione e “demistificazione” erano viste come particolarmente antagoniste allo sviluppo della modernità, anche se scienza e religione erano già sfere autonome.

Ed è così che Exu sintetizza un “bivio etico e morale” se visto e interpretato dall'Europa occidentale. Questo risale all'Europa medievale, che vide i propri demoni diffondersi ai quattro angoli del globo, tanto che, nell'Ottocento, era arrivata a distinguere il pensiero razionale dal pensiero magico-religioso, l'espansionismo dal comunitarismo, la modernità dal pensiero tradizionale , e di definire il bene e il male, la scienza e la fede in termini assoluti.

Dottrine / CREDENZE

In Brasile, a causa della schiavitù e della conversione forzata degli africani ridotti in schiavitù al cattolicesimo, Exu assunse una varietà di forme diverse, inclusa quella di dio messaggero e "custode dell'ordine", nonché di imbroglione e ingegnere del disordine sociale.

Nel primo caso fu associato ai mediatori del cattolicesimo, come Gesù, la Vergine Maria, santi, angeli e martiri. A Cuba, è stato associato a The Boy Jesus. In Brasile, questa associazione si estendeva a Sant'Antonio (il martire che si appoggia a un bastone), San Gabriele (il messaggero dell'Annunciazione), San Benedetto (un santo nero che guida le processioni cattoliche per impedire la pioggia) e San Pietro , (il guardiano che porta le chiavi del cielo). Questi santi cattolici condividono con Exu l'arduo compito di aprire strade che indichino all'umanità la strada verso Dio e verso gli Orishas (in Brasile, Orixás).

Nel secondo caso, Exu era associato al diavolo e agli spiriti dei morti, chiamati "apparizioni" o "spiriti", che si ritiene tormentino e turbano le persone e quindi devono essere sconfitti (spediti) nei rituali di purificazione spirituale. Quando incorporati nell'Umbanda (la religione afro-brasiliana con il maggior numero di seguaci in Brasile, questi Exus si manifestano nelle persone e adottano i nomi di demoni biblici come Belzebù [immagine a destra] e Lucifero.

In alternativa si danno soprannomi presi in prestito dai loro spazi abitativi, come 7 Crossroads-Exu, Gateway-Exu, Catacomb-Exu, Skull-Exu, Mud-Exu, Shadow-Exu, Cemetery-Exu. [Immagine a destra] Nella loro veste femminile, questi Exus sono chiamati Pombagira, e nel Brasile contemporaneo sono raffigurati proprio come i diavoli erano raffigurati nelle stampe medievali e, per tutto il ventesimo secolo, nei misteri e nelle storie dell'orrore. Mentre a Candomblé ci sono meno di una dozzina di avatar di Exu (Exu Tiriri, Exu Lonã, Exu Marabô ecc…) a Umbanda ce ne sono molte dozzine.

Secondo la “teoria dei travestimenti” e il “sincretismo”, le divinità africane dovevano nascondersi “sotto le vesti dei santi cattolici” per evitare le persecuzioni e, con il passare del tempo, ciò creava confusione tra loro. Sostengo che questi "Demon-Exus" forniscono continuità con il concetto africano di Exu e differiscono dai concetti cristiani del diavolo. Considerando il ruolo attivo svolto dall'agenzia africana in questo processo di contatto culturale, mi sembra che questo “Demon-Exu” sia molto più africano di quanto sembri. Primo, perché questi “Demon-Exus” continuano a fare da mediatori, proprio come un Exu africano. Alcuni dei nomi elencati in questi esempi sono stati estratti dalla Bibbia, ma la stragrande maggioranza menziona punti di passaggio (bivio, porte), di intercessione tra il mondo dei vivi e dei morti (cimiteri, catacombe, teschi), stati intermedi di materia (fango, ombra) e dualità (un mantello, nero da un lato e rosso dall'altro, come il berretto bicolore che indossa Exu).

Exu media anche tra specifici universi mitici e sociali, come una sorta di “doppio essere” che racchiude in sé le proprie parti mediate. [Immagine a destra] Quando si manifesta come Xoroque, Exu-Ogum, è per metà San Giorgio (bianco) e per metà demone (nero o di razza mista). È come se San Giorgio (che rappresenta il bene) non potesse essere percepito come un'entità separata dal drago (il male/diavolo) che ha sconfitto: così come lo schiavo-padrone non avrebbe potuto costruire il suo mondo coloniale senza schiavo lavoro duro e faticoso. La seconda immagine di Exu Two Heads scome si definisce quell'identità di genere attraverso il contrasto: uomini e donne non possono essere definiti se non in relazione l'uno con l'altro. E infine, la terza immagine, Xoroque-Indian Spirit-Exu, mostra l'incrocio di razze come la forza trainante della società brasiliana: una persona di razza mista o nera raffigura un indiano che indossa un copricapo mentre la pelle di una persona bianca o nera è tinta di "rosso ”, che ricorda sia Exu che il diavolo.

Vale la pena ricordare che il concetto di Two-Faced Exu non è estraneo alla cosmologia africana. Una delle caratteristiche mitiche di Exu è la sua doppia faccia, che usa per guardare avanti e per guardare indietro.

Inoltre, questi "Demon-Exus" possono fare sia del bene (risolvendo problemi di salute, legali, occupazionali e amorosi) che del male (causando separazioni, lasciare persone indigenti, ecc.). Fanno quello che gli viene chiesto di fare. In quanto tale, il diavolo cristiano, dal punto di vista dell'exu africano, è visto meno come un male assoluto che come un angelo prima della caduta in disgrazia. In altre parole, Exu “non è” il diavolo, e il diavolo “è” non Exu; anzi, entrambi possono stabilire relazioni con l'altro, ampliando il loro concetto originario e generando nuovi significati. Se, da un lato, c'è stata una demonizzazione di un Exu africano, dall'altro, c'è stata una “esusation” del diavolo biblico, pre-inquadrando l'eccessiva semplificazione cristiana del bene e del male all'interno del relativismo africano.

I leader tradizionali all'interno del Candomblé, alcuni impegnati nella "riafricanizzazione" e/o nel "decattolicizzazione" della religione (Silva 1995), hanno criticato questa "visione cattolica" di Exu e promosso una "recupero" o "neo-orishalizzazione" di il pantheon afro-brasiliano nel suo sfondo Yoruba-Fon. Essenziale per questo processo è la disponibilità in Brasile di immagini e testi relativi al culto dell'orisha nell'Africa occidentale, nonché gli scambi tra sacerdoti brasiliani, cubani e africani. Di conseguenza, ciò che una volta era quasi impossibile (iniziazione a Exu) è ora più comune [Immagine a destra] E con questa rinascita è ora possibile vedere Exu scendere su un iniziato e indossare il tradizionale cappello conico, oltre a strisce di stoffa rossa e nera incrostate di cipree intorno alla vita, mentre brandiscono il il caratteristico personale fallico della divinità; o anche indossando abiti rustici in rafia o lussuosi abiti di lino bianco. [Immagine a destra] Molti di questi abiti e insegne riproducono gli abiti che indossano gli Exus africani e che sono diventati essi stessi immagini canoniche associate al culto dell'orisha che sono articolate con le pratiche religiose locali nel contesto nazionale e internazionale su entrambe le sponde dell'Atlantico nero.

RITUALI / PRATICHE

In Brasile, Exu è adorato all'ingresso dei templi in un santuario collettivo a terra e all'aperto, su cui vengono fatte offerte. Questo perché nessuna iniziazione può aver luogo senza prima cantare la sua lode e offrirgli la sua offerta prima di tutti gli altri. È compito di Exu proteggere i templi dalle forze negative e lavorare a favore dei rituali che stanno per aver luogo nel tempio su cui veglia. I suoi altari possono assumere forme diverse ed esprimere concetti diversi a seconda del rito che si svolge.

In alcuni templi, il suo altare è un cumulo di terra preparato ritualmente che cresce di dimensioni in base al volume delle offerte che riceve, che includono sangue animale, olio di palma, generi alimentari e monete, ecc. [Immagine a destra] In altri templi questo altare può presentare rappresentazioni antropomorfe di Exu sul cui fallo viene versato olio di palma.

Oltre a questo santuario collettivo, Exu è adorato anche in santuari individuali che vengono consacrati durante una specifica iniziazione e sono tenuti all'interno di una stanza specifica riservata a Exu. Ogni iniziato adora un individuo Exu che lo protegge e aiuta a mantenere il dinamismo e la comunicazione con il suo orisha.

Le immagini più antiche dei santuari Exu risalgono almeno agli anni '1930, quando furono pubblicati i primi studi etnografici sul tema. Le descrizioni precedenti si concentrano su santuari formati da una “torta” modellata con un impasto di argilla impastata con sangue di uccelli, olio di palma e un infuso di piante, dando origine a una testa con occhi e bocca fatta di cipree. Questi santuari hanno gradualmente assunto forme umane e possiamo vedere la trasformazione della protuberanza fallica dalla testa di Exu in un paio di corna (come se il fallo originale fosse stato duplicato). Questo fallo può essere osservato anche nelle teste cubane fatte di sabbia e cemento, dove l'Exus (che i cubani chiamano Eleguás) esibiscono una piccola manopola acuminata (solitamente fatta con un chiodo) che emana dalla fronte.

Con l'avvento delle fonderie di ferro battuto, le raffigurazioni di Exu con le corna e un racconto, tenere un bastone divennero estremamente popolari. Nell'immagine pubblicata nel 1937, la spada di Exu ha sette lame (che indicano i sette percorsi) da cui pende una pistola. La presenza di questa arma può indicare il suo ruolo di Custode dell'ordine e degli spazi sacri (una specie di poliziotto) oltre che di promotore di disordini, in tandem con la vita di strada, con la malavita, sovversione e pericolo.

Con il passare del tempo, il corpo antropomorfo di Exu assunse una forma cilindrica, in un probabile riferimento al fallo e al suo bastone, nonché a tre punte (tridente) per il maschio Exu, e a due punte per il femminile versione, chiamata Pombagira. [Immagine a destra] Queste statue proliferarono nei templi e sono diventate le immagini più note della divinità, sia all'interno che all'esterno dei templi.

Per molti, la forchetta è un'eco diretta del diabolico tridente. Tuttavia, un Exu cornuto era una rappresentazione comune della divinità nell'Africa occidentale, almeno fino alla prima metà del diciannovesimo secolo (Maupoil 1943), essendo associato al potere e alla fecondità. Le statue di Exu con le corna sono vendute anche in Brasile da mercanti dell'Africa occidentale.

Non solo Exu è adorato nei templi, ma è adorato anche negli spazi pubblici, come nelle foreste, nei cimiteri, nelle pietre, agli incroci, sulla sabbia nelle spiagge, ai piedi di un albero, nei mercati pubblici, agli ingressi dei negozi, ecc. di cui sono luoghi di passaggio.

Uno dei luoghi più noti per il culto degli Exu si trova nell'area pubblica del mercato municipale di Porto Alegre, nello stato del Rio Grande do Sul, nel Brasile meridionale. [Immagine a destra] Gli schiavi costruirono il mercato nel diciannovesimo secolo e, secondo la leggenda locale, seppellirono un santuario dedicato a Bará (Exu) nel punto di intersezione tra i quattro percorsi del mercato. Oggi è il luogo in cui i fedeli delle religioni afro-brasiliane mettono monete di passaggio, mentre visitano il mercato per acquistare forniture e manufatti per i loro templi. È anche il luogo in cui i neofiti dovrebbero andare dopo le loro iniziazioni per acquistare cibo dagli stand dei venditori al fine di garantire prosperità e abbondanza. Secondo il mito, Exu mangia tutto ciò che può entrare in bocca, motivo per cui chi lo loda avrà sempre da mangiare in abbondanza.

Secondo il mito, Exu si muove nel tempo e nello spazio (verso i quattro punti cardinali) con l'aiuto del suo bastone. Il crocevia, dove tutte le strade si incontrano e si incrociano, è uno dei suoi spazi preferiti, ed è lì che riceve la maggior parte delle sue offerte. È comune nei templi di Umbanda designare percorsi che si incontrano in una “X” (4 punti) per Exu, e quelli che si incontrano in una “T” (tre punti) per Pombagira. 

Pombagira è una donna Exu incaricata di sfidare l'ordine patriarcale della società brasiliana attraverso il suo rifiuto di accettare la subordinazione di una donna ai ruoli domestici tradizionali come moglie e madre. Una "signora di strada", in contrapposizione a una "costruttrice di case", riflette lo stereotipo della prostituta che rifugge la famiglia, la maternità e il matrimonio per affermarsi come donna ed esprimere la sua femminilità. Sottolinea le differenze anatomiche (tra un pene e una vagina) associate al sesso biologico (maschile e femminile) e ai ruoli di genere (maschile e femminile) per interrogarsi e invertire, in modo altamente provocatorio e licenzioso, (come se fosse un "imbroglione in una gonna”) la struttura sociale che perpetua le relazioni maschili-dominanti.

L'enfasi mitica sul simbolismo del fallo e della vagina sembra essere stata rielaborata nelle varie forme del tridente e dei luoghi dove si fanno le offerte, e che alludono al corpo umano e alle sue differenze di genere. Ho scelto di rappresentare queste figure in forma astratta, [Immagine a destra] che mostra le forcelle (a due e tre rebbi) sulla prima riga, e l'incrocio (a forma di "X" e "T") sulla seconda linea. Si noti che sono allineati con le variazioni dei corpi maschili e femminili nella terza riga.

Pene e corna, quindi, vengono ad esprimere non solo la sottomissione cattolica di Exu al diavolo, ma il punto d'incontro di queste mitologie che usano il linguaggio delle parti del corpo per produrre miti che espongono questioni di potere, corpo, sessualità e trasformazione.

I fork sintetizzano questioni di transizione, passaggio e sessualità con tale efficienza da essere diventati simboli transnazionali degli orishas e sono presenti anche nei disegni al tratto associati alla divinità.

Questi “segni disegnati” sono emblemi elaborati da diversi Exus per identificarsi quando hanno preso possesso dei loro iniziati nei templi di Umbanda. Normalmente gli Exus disegnano i loro segni e accendono candele su di loro per creare un campo di forza in cui eseguire procedure magiche.

La forma del tridente fornisce anche lo standard per la fabbricazione del personale o degli strumenti di Exu. [Immagine a destra]

ORGANIZZAZIONE / LEADERSHIP

Tra i simboli più celebrati dalla cultura brasiliana, dentro e fuori il paese, ci sono samba, carnevale, capoeira, Candomblé, uno stufato di fagioli neri chiamato feijoada, caipirinha, mulata e calcio. Tuttavia, fino ai primi decenni del ventesimo secolo, la samba era vista come lasciva, la capoeira come simbolo di violenza fisica (espressiva della "cultura criminale nera") e Candomblé e Umbanda come stregoneria, ciarlataneria e "magia nera". Molti dei suoi praticanti sono stati incarcerati. Lo stufato di fagioli neri chiamato feijoada, composto da tagli di carne rifiutati in quanto non abbastanza buoni per la tavola del padrone di schiavi, era considerato un “avanzo”. L'eventuale accettazione di tali simboli etnici, con le loro radici nere africane, e la loro trasformazione in simboli nazionali (glorificati dallo Stato e dal popolo) ha subito una serie di conflitti e negoziazioni in vari contesti politici, economici e storici. In termini di classe, la condivisione di questi sistemi di valori tra diversi gruppi etnici era già prevalente nella società, ma fu solo negli anni '1930, durante la presidenza di Getúlio Vargas, quando Rio de Janeiro era la capitale del paese, che molti di questi simboli urbani sono stati scelti e trasformati per rappresentare il Brasile. Durante questo periodo, lo Stato trasformò la capoeira in una forma di ginnastica nazionale, sponsorizzò sfilate di carnevale ed elesse la samba come musica dell'integrazione nazionale. Fuori dal Brasile, Carmem Miranda ha rafforzato questa immagine cantando canzoni di samba in abiti tradizionali di Bahia che hanno, nel loro nucleo, riferimenti all'abito della sacerdotessa Candomblé.

Walt Disney, quando era a Rio de Janeiro negli anni '1940, fu sedotto dalle immagini di una nazione festosa, votata all'esotico e sensuale, con i suoi cibi speziati e i suoi colori vivaci. Ha creato appositamente per il Brasile, “José () Carioca, un pappagallo verde e giallo noto per la sua natura allegra, socievole e pigrizia. [Immagine a destra] In altre parole, un esperto nell'arte di ciò che i brasiliani chiamano jeitinho, il "dono della parlantina", insieme a una capacità creativa di sopravvivere senza dover lavorare, tipico dei truffatori bon-vivant dell'epoca.

A Umbanda, lo spirito di questo tipo disonesto (una versione di Rio di un dandy bohémien che cammina per le strade di notte e generalmente viene accoltellato a morte o colpito a colpi di arma da fuoco a causa di una donna o di un debito di gioco) è adorato come Zé Pilintra. [Immagine a destra] Questo spirito è considerato da molti un Exu urbano, che dimora nei porti e nei quartieri a luci rosse, insieme alla sua controparte femminile, Pombagira. Indossa un abito bianco con scarpe bianche e una cravatta rossa e un fazzoletto ripiegato nel taschino. La sua presentazione immacolata fa parte del suo stratagemma, poiché nasconde la sua condizione impoverita e marginale, mentre attira l'attenzione su un codice di abbigliamento rigoroso che si autoesclude di proposito da un ordine sociale brasiliano già esclusivo. Zé Carioca è quindi una personificazione comica di un tale truffatore bohémien, comune alla città di Rio e immortalato in forma spirituale a Umbanda.

Exu, a causa della sua natura ambigua, è servito da leimotiv per i dilemmi che devono affrontare la società brasiliana, come l'incorporazione dei valori africani nella società e l'esclusione dei neri dalla società. Nel suo romanzo classico Macunaima (1922), l'autore Mario de Andrade racconta la storia di un "eroe senza carattere" che nasce "il marrone scuro più nero" da un indiano, e poi diventa bianco. Macunaíma è l'imbroglione "indigeno africano", un "exu indiano".

Jorge Amado, l'autore più famoso del Brasile, ha scelto il mondo del Candomblé come fonte di molti dei suoi libri ed ha eletto Exu a guardia della sua opera. Un santuario per la divinità si trova di fronte alla Fundação Casa de Jorge Amado, nel quartiere Pelourinho di Salvador, nello stesso sito in cui si trova una scultura di Exu dell'artista Tati Moreno.

Numerosi artisti hanno iniziato a rappresentare Exu nelle loro sculture, fotografie e stampe. Molte di queste opere fanno parte di collezioni di musei, gallerie ed esposte in spazi pubblici.

Problematiche / sfide

Il ruolo di Exu come "antieroe", come lo spirito di strada che mina l'ordine stabilito, lo ha reso la scelta ovvia per il Santo Patrono di carnevale. Davvero, molti gruppi di carnevale gli fanno offerte prima di sfilare. E molti dei più grandi gruppi carnevaleschi hanno preso l'abitudine di rappresentarlo in prima linea, un comitato di ballerini che apre il corteo e protegge il corteo come un'unità. [Immagine a destra]

Exu è, quindi, la chiave per comprendere questo dialogo di lunga data tra le cosmologie africane, americane ed europee che si fondono sin dal XVI secolo. La demonizzazione di Exu e l'orishalizzazione del diavolo, o le sue mediazioni, esprimono letture reciproche di universi culturali entrati in contatto.

Il meticciato non genera solo esseri “ibridi” biologici; genera anche "ibridi" culturali. Desiderio, repulsione, fascino per l'esotico e paura della stregoneria sono alcuni dei sentimenti che questi “corpi ibridi” risvegliano nella loro duplice capacità di percepirsi ai margini della società (come Zé Pilintra e Pombagira) riconoscendosi come agenti di trasformazione, attraverso un diritto di nascita o un'abilità ereditaria di manipolare "sacri bastoni". Le immagini di esseri "mezzo e mezzo", quindi, forniscono una metafora di una società che si percepisce nella luce (e nell'oscurità) di un commercio transatlantico di corpi e culture che ha plasmato un mondo unito e diviso, unico e sfaccettato al tempo stesso . È attraverso questa capacità di interagire e dividere, creare consenso e disaccordo, fondere opposti e dividere simili, obbedire e sovvertire regole, che Exu, attraverso le sue innumerevoli facce, esercita il suo potere in Brasile.

IMMAGINI

Immagine n. 1: Belzebù-Exu. Catalogo dell'azienda “Gesso Bahia”. http://www.imagensbahia.com.br
Immagine n. 2: Cimitero-Exu. Catalogo dell'azienda “Gesso Bahia”. http://www.imagensbahia.com.br
Immagine #3: Exu come Xoroque, Exu-Ogum, Exu due teste, e Xoroque-Indian Spirit-Exu.
Immagine n. 4: Iniziazione a Exu. Tempio di Pai Leo. San Paolo. Foto: Vagner Gonçalves da Silva, 2011.
Immagine #5: Exu, Tempio di Pai Pérsio, San Paolo. Foto: Roderick Steel.
Immagine #6: Santuario di Exu (barro) all'ingresso del tempio di Mãe Sandra. La crescita del suo corpo dovuta alle offerte rappresenta la sua forza dinamica. Foto: Vagner Gonçalves da Silva, San Paolo, 2011.
Immagine n. 7: Exu maschili e femminili. Museo di Archeologia e Antropologia, Università di São Paulo. Foto: Rita Amaral, 2001.
Immagine n. 8: Offerte a Exu (sul telo nero, a destra) e Pombagira (sul telo rosso a sinistra). Strada di accesso al Festival annuale di Umbanda a Praia Grande, San Paolo. Foto: Vagner Gonçalves da Silva.
Immagine n. 9: Presentazione astratta dell'enfasi mitica sul simbolismo del fallo e della vagina.
Immagine #10: Ferramenta de Exu. Produttore: Santo Atelier. Foto: Fernanda Procópio e Luciano Alves. Coleção fare l'autore.
Immagine n. 11: “José () Carioca, un personaggio dei cartoni animati di pappagallo verde e giallo creato da Walt Disney.
Immagine n.12: Comitato di apertura del gruppo carnevalesco Mocidade Alegre, 2003. Foto: Vagner Gonçalves da Silva.

RIFERIMENTI**
** Salvo diversa indicazione, il materiale in questo profilo è tratto da Silva, 2012, 2013, 2015, 2022).

RISORSE SUPPLEMENTARI

Amaral, Rita. 2001. “Coisas de Orixás – notas sobre o processo transformativo da cultura material dos cultos afro-brasileiros”. TAE – Trabalhos de Antropologia e Etnologia – Revista inter e intradisciplinar de Ciências Sociais. Sociedade Portuguesa de Antropologia, 41:3-4.

Bastide, Ruggero. 1945. Immagini del Nordeste Místico in Branco e Preto. Rio de Janeiro: Edições O Cruzeiro.

Carneiro, Edison. 1937. Negros bantus. Rio de Janeiro: Civiltà brasiliana.

CARIBÉ (Iconografia dos Deuses Africanos no Candomblé da Bahia). 1980. Aquarelas de Carybé. Textos de Carybé, Jorge Amado, Pierre Verger e Waldeloir Rego, edição de Emanoel Araujo – Salvador, Editora Raízes Artes Gráficas, Fundação Cultural da Bahia, Instituto Nacional do Livro e Universidade Federal da Bahia.

Dopaumu, P. Ade. 1990. Exu. O inimigo invisível do homem. San Paolo, Editora Oduduwa.

Engler, Steven. 2012. "Umbanda e Africa". Nova Religio: The Journal of Alternative and Emergent Religions 15: 13-35.

Fernandes, Gonçalves. 1937. Xangôs do Nordeste. Rio de Janeiro. Civiltà brasiliana.

Gates, Henry Louis Jr. 1988. La scimmia significante. New York: Oxford University Press.

Mapoil, Bernard. 1988 [1943]. La géomancie à l'ancienne Cote dês Esclaves. Parigi: Institut D'Ethnologie.

Ogundipe, Ayodele. 1978. Esu Elegbara. Il dio Yoruba del cambiamento e dell'incertezza. Uno studio sulla mitologia Yoruba. Tesi di dottorato, Università dell'Indiana.

Pelton, Robert D. 1980. L'imbroglione dell'Africa occidentale. Uno studio dell'ironia mitica e della sacra delizia. Berkeley: University of California Press.

Pemberton, John. 1975. Exu-Elegba: Il dio ingannatore Yoruba. Arti africane 9:20-27, 66-70, 90-92. Los Angeles: UCLA James S. Coleman African Studies Center.

Ramos, Artur. 1940 [1934]. O negro brasileiro. San Paolo: ed. Nazionale.

Schmidet, Bettina E. e Steven Engler, eds. 2016. Manuale delle religioni contemporanee in Brasile. Leiden: Brill.

Silva, Vagner Gonçalves da. 2022. Exu, un dio afro-atlantico in Brasile, São Paulo: Editore dell'Università di São Paulo

Silva, Vagner Gonçalves da. 2015. Exu – O Guardião da Casa do Futuro. Rio de Janeiro: Editora Pallas.

Silva, Vagner Gonçalves da. 2013. "Eshu del Brasile: al crocevia dell'Atlantico nero". In Eshu: Il divino imbroglione, a cura di George Chemeche, New York: Antique Collectors' Club.

Silva, Vagner Gonçalves da. 2012. “Exu do Brasil: tropos de uma identità afro-brasileira nos trópicos.” Rivista di Antropologia, San Paolo, DA-FFLCH-USP. 55:2.

Silva, Vagner Gonçalves da. 2007. Neopentecostalismo e religioni afrobrasiliane: spiegare gli attacchi ai simboli del patrimonio religioso africano nel Brasile contemporaneo. Tradotto da David Allan Rodgers. Che cosa 3.

Silva, Vagner Gonçalves da. 2005. Candomblé e umbanda: Caminhos da devoção brasileira. San Paolo: Atica.

Silva, Vagner Gonçalves da. 1995. Orixás da metropole. Petrópolis: Vozes.

Thompson, Robert Farris. 1993. Volto degli dei. Arte e altari dell'Africa e delle Americhe africane. New York. Il Museo per l'Arte Africana.

Thompson, Robert Farris. 1981. I quattro momenti del Sole. L'arte del Kongo in due mondi. Galleria d'arte nazionale di Washington.

Valente, Waldemar. 1955. Sincretismo religioso afro-brasiliano. San Paolo: Editora Nacional.

Data di pubblicazione:
13 febbraio 2022

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebook