Kate Kingsbury

Santa Muerte


CALENDARIO DI SANTA MUERTE

850: Gli zapotechi costruirono Lyobaa, Città dei Morti, in seguito chiamata Mitla (l'appellativo azteco per questo dato che la vedevano collegata a Mictlan, il loro nome per gli inferi). Questo era il centro religioso più importante per gli zapotechi dove adoravano le loro divinità primarie, due divinità della morte, costituite da una coppia che veniva sacrificata e propiziata per la guarigione. Questo era anche il luogo in cui onoravano i loro antenati defunti.

1019: Sotto la città di Chichen Itza, i Maya costruirono una serie di camere nelle caverne che rappresentano Xibalba, il mondo sotterraneo. Hanno tenuto rituali per la morte di divinità come Cizen, Ah Puch, tra gli altri.

1375: gli Aztechi stabilirono la loro capitale a Tenochtitlan (il sito dell'odierna Città del Messico). Il loro impero domina il Messico centrale culturalmente e politicamente fino al 1519. Il sistema di credenze azteco includeva Mictecacihuatl, la dea azteca della morte tradizionalmente rappresentata come uno scheletro umano o un corpo carnale con un teschio per testa.

1519-1521: ebbe luogo la conquista spagnola di Aztechi, Zapotechi, Maya e altri gruppi che adoravano divinità della morte come i Mixtechi, guidando le credenze e le devozioni indigene tradizionali nel sottosuolo con l'inizio dell'era coloniale. Gli spagnoli introdussero la figura del Tristo Mietitore che fu interpretato da alcuni gruppi indigeni come una divinità della morte e la gente del posto iniziò ad adorare la figura.

1700: i documenti dell'Inquisizione spagnola hanno registrato che il clero castigava i locali per il culto delle figure del Tristo Mietitore e per aver condotto rituali in suo onore, in alcuni casi questa figura è stata documentata come chiamata "Santa Muerte". La pratica rimase occulta poiché coloro che praticavano tale adorazione furono accusati di eresia e puniti; le figure mortali furono distrutte dal clero.

Anni 1860: sulla frontiera settentrionale di quello che fino a poco tempo fa era stato il viceré della Nuova Spagna, nel New Mexico e nel Colorado meridionale, un gruppo di penitentes meticci fu scoperto adorare la morte. La figura era venerata e indicata in modo intercambiabile come Santa Muerte e Comadre (co-madrina) Sebastiana.

1870-1900: non c'era praticamente alcuna menzione di Santa Muerte nella tradizionale documentazione storica scritta.

1940: Santa Muerte ricomparve nelle etnografie scritte da antropologi messicani e nordamericani, principalmente come un santo popolare a cui le donne cercavano l'aiuto del santo per riportare in vita mariti e fidanzati erranti.

2001: il giorno di Ognissanti, Enriqueta Romero Romero colloca la sua statua di Santa Muerte fuori dal negozio dove vendeva le quesadillas. Ha così stabilito il primo santuario pubblico dedicato alla devozione della morte nel quartiere di Tepito, nel centro di Città del Messico.

2003: il tempio autoproclamato “arcivescovo” David Romo, la tradizionale chiesa cattolica apostolica santa, Mex-USA ha ottenuto il riconoscimento ufficiale dal governo messicano. Il 15 agosto, festa dell'Assunzione della Vergine Maria, la chiesa ha celebrato l'inclusione di Santa Muerte nel suo insieme di credenze e pratiche.

2003: Il Santuario Universal de Santa Muerte (Santuario Universale di Santa Muerte) viene fondato dal “Professore” Santiago Guadalupe, un immigrato messicano dello stato di Veracruz, a Los Angeles.

2004: Uno dei preti scontenti di Romo ha presentato una denuncia formale per l'inclusione della chiesa di Santa Muerte nel suo paradigma devozionale.

2005: Il governo messicano ha privato la Chiesa Apostolica Sacra Cattolica Tradizionale, Mex-USA del suo riconoscimento ufficiale. Tuttavia, la legge messicana non ha richiesto tali sanzioni e l'incidente ha provocato polemiche politiche.

2008: Dopo la morte di suo figlio, Jonathan Legaria Vargas, che aveva eretto la più grande effigie di Santa Muerte a Tultitlan Città del Messico, sua madre Enriqueta Vargas ha istituito la più grande rete di chiese transnazionali di Santa Muerte per onorare Santa Muerte.

2009: un numero crescente di persone, in particolare donne, ha iniziato a stabilire santuari a Santa Muerte in tutto il Messico.

STORIA DEL FONDATORE / GRUPPO

Il nome di Santa Muerte rivela molto sulla sua identità. La Muerte significa morte in spagnolo ed è un sostantivo femminile (indicato dall'articolo femminile "la") come in tutte le lingue romanze. "Babbo Natale" è la versione femminile di "santo", che può essere tradotto come "santo" o "santo", a seconda dell'uso. Santa Muerte è una santa popolare, cioè una santa del popolo, che non è riconosciuta dalla Chiesa cattolica. A differenza dei santi ufficiali, che sono stati canonizzati dalla Chiesa cattolica, i santi popolari sono spiriti dei morti. [Immagine a destra] Sono considerati santi per i loro poteri miracolosi dalla popolazione locale, a cui sono legati per località e cultura. In generale, sono persone locali che sono morte tragiche e che in seguito si credeva che ascoltassero le preghiere e rispondessero con miracoli. In Messico e in America Latina in generale, i santi popolari suscitano una devozione diffusa e sono spesso più popolari dei santi ufficiali. Dove Santa Muerte differisce dagli altri santi popolari è che per la maggior parte dei devoti, è la personificazione della morte stessa e non di un essere umano deceduto.

Il santo popolare è stato creato dalla gente da una mescolanza di divinità della morte indigene e il Tristo Mietitore durante l'era coloniale quando gli spagnoli introdussero il cattolicesimo. La versione più comune della storia dell'identità indigena della santa nel Messico settentrionale le dà origini azteche, ma altri le danno origini purepecha, maya o addirittura zapotee. Per quelli del Messico settentrionale, si pensa che Santa Muerte abbia avuto origine come Mictecacihuatl, la dea azteca della morte che, insieme a suo marito Mictlantecuhtli, governava gli inferi, Mictlan. Come Santa Muerte, la coppia mortale era tradizionalmente rappresentata come scheletri umani o corpi carnali con teschi al posto della testa. Gli Aztechi credevano che coloro che morirono per cause naturali finissero a Mictlan e invocarono anche i poteri soprannaturali degli dei per cause terrene.

Quando il clero spagnolo venne come parte della conquista coloniale del "Nuovo Mondo", portò con sé le figure di Maria, Gesù, i santi e il Tristo Mietitore per insegnare il catechismo durante la loro missione di conversione. Mentre per gli spagnoli il Tristo Mietitore non era che una rappresentazione della morte, gli indigeni, in seguito alla loro devozione alle divinità della morte, presero il Tristo Mietitore come un santo della morte da venerare per i favori proprio come gli altri santi, e Gesù. Attingendo alle tradizioni delle sacre ossa ancestrali, al culto delle divinità della morte e all'interpretazione del cristianesimo attraverso la propria lente culturale, hanno preso la figura scheletrica della morte della chiesa per un santo a sé stante. È stata venerata di nascosto per centinaia di anni in totale segretezza, a causa della punizione degli spagnoli quando hanno scoperto adoratori indigeni che supplicavano Santa Muerte.

Documenti coloniali spagnoli del 1793 e 1797 conservati negli archivi dell'Inquisizione descrivono la devozione locale a Santa Muerte negli odierni stati messicani di Querétaro e Guanajuato. I documenti inquisitori descrivono casi separati di "idolatria indiana" che ruotano attorno a figure scheletriche di morte richieste da cittadini indigeni per favori politici e giustizia. [Immagine a destra] Né osservatori messicani né stranieri registrarono di nuovo la sua presenza fino agli anni Quaranta.

I primi riferimenti scritti alla santa scheletro nel ventesimo secolo la citano nel contesto della recitazione di un medico dell'amore soprannaturale convocato da una candela rossa. Santa Morte della candela cremisi viene in aiuto di donne e ragazze che si sentono tradite dagli uomini nella loro vita. Tre antropologhe, una messicana e due americane, hanno menzionato il suo ruolo di maga dell'amore nelle loro ricerche condotte negli anni Quaranta e Cinquanta.

Dagli 1790 fino a 2001, Santa Muerte era venerata clandestinamente. Gli altari erano tenuti in case private, fuori dal pubblico, e medaglioni e scapolari dello scheletro santo erano nascosti sotto le camicie dei devoti, a differenza di oggi quando molti li mostrano con orgoglio, insieme a T-shirt, tatuaggi e persino scarpe da tennis come distintivi della loro fede.

La santa popolare è emersa pubblicamente quando Enriqueta Romero, una venditrice di quesadilla a Tepito, Città del Messico, ha collocato la sua statua fuori dalla sua modesta casa nel 2001 in ringraziamento alla santa popolare per la manomissione di suo figlio dalla prigione. Dopo questo, la devozione alla morte esplose e molti diventarono devoti o dichiararono pubblicamente la loro fede. Seguendo le orme di Romero, uomini e donne iniziarono ad aprire i templi al santo della morte. Jonathan Legaria Vargas, alias Commandante Pantera, ha avviato un tempio che è stato successivamente ampliato da sua madre, Enriqueta Vargas, alla sua morte a colpi di arma da fuoco. Ha istituito il più grande ministero transnazionale al santo scheletro nel 2008, e molti altri hanno seguito l'esempio, aprendo le proprie chiese al santo della morte.

Sono state le leader donne ad essere state in prima linea in questo movimento, data la sua attenzione alla santa popolare della morte. A differenza della Chiesa cattolica, che preclude alle donne l'accesso a posizioni di potere, Santa Muerte considera tutte uguali prima della morte, e questo include tutti i sessi. Ciò ha permesso alle donne di emergere come leader spirituali prestigiosi e potenti da Yuri Mendez a Cancun, che ha istituito il più grande santuario della città, e forse anche a Quintana Roo. Oltre un decennio fa Elena Martinez Perez ha istituito il più grande santuario del santo popolare nella regione di Oaxaca. Una preghiera a Santa Muerte per le donne, originariamente scritta da Yuri Mendez, rivela l'importanza delle donne non solo nel diffondere la devozione ma anche nei molti bisogni che hanno, i loro desideri, le loro paure e perché si rivolgono alla donna popolare santa della morte che credono che li tratteranno da pari a pari.

Santa Muerte, io, la tua fervente serva, ti chiedo per me e per tutte quelle donne che lavorano sodo ogni giorno per portare sostentamento a casa, che non ci manchi la prosperità, che si aprano le porte del successo, chiedo anche quelle che stanno studiando, aiutarli a raggiungere i loro obiettivi in ​​modo soddisfacente.
“Proteggi il nostro cammino, rimuovi tutto il male e il pericolo che ci circondava.
Allontana ogni uomo che vuole farci del male, benedire il nostro matrimonio o il nostro corteggiamento.
Assicurati che l'amore non manchi nelle nostre vite.
Santa Muerte, qualunque siano i miei problemi, mi fido di te e so che non mi lascerai da solo e mi aiuterai (qui il devoto dovrebbe fare la sua richiesta in base al problema che sta affrontando)
Sono una donna, sono una tua devota e lo sarò fino all'ultimo giorno della mia vita, la mia vita è nelle tue mani e camminerò con calma perché so che sei con me e non mi lascerai tutto solo .
Benedici e proteggi la mia famiglia, i miei amici, allontana da me ogni falsità e ipocrisia.
Ti ringrazio, so che mi ascolti e che ascolterai sempre tutto quello che ho da dire. Dammi molta saggezza e sufficiente temperanza per entrare in questa società.
E non chiedo altro che rispetto, perché sono una donna e ho gli stessi diritti di chiunque altro.
Sei giusto e non mi permetterai di subire alcuna umiliazione da parte di nessuno.
Sono una donna, sono una tua devota e lo sarò fino all'ultimo giorno della mia vita, possano le mie richieste essere ascoltate
Amen

Diversi uomini importanti hanno anche fondato chiese, ma queste sono state fugaci. Ad esempio, David Romo, che ha fondato la Chiesa Apostolica Sacra Cattolica Tradizionale, Mex-USA è stato arrestato nel 2011 con varie accuse, tra cui il rapimento, e la sua chiesa è stata chiusa bruscamente. Jonathan Legaria Vargas, noto anche come "Comandante Pantera" (Comandante Pantera) e "Padrino (Padrino) Endoque", era un leader carismaticamente schietto nella crescente tradizione devozionale pubblica che circonda Santa Muerte. Aveva costruito un'imponente effige alta settantacinque piedi di Santa Muerte a Tultitlan, nella periferia grintosa di Città del Messico, e stava per diventare una figura centrale nella comunità di Santa Muertistas. Tuttavia, nel 2008 è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella sua auto mentre gli aggressori l'hanno spruzzata con 150 proiettili, uccidendolo all'istante. Sua madre, Enriqueta Vargas, tuttavia, fece diffondere Santa Muerte a livello transnazionale aprendo chiese in Colombia, Costa Rica e in tutto il Messico.

Anche figure trans sono state attratte dal santo popolare. Poiché la morte non giudica nessuno da quando la morte arriva a tutti noi, il santo ha un grande seguito LGBTQ +. Uno di questi leader trans a New York è Arely Vasquez che ha aperto un santuario a Santa Muerte nel Queens circa dieci anni fa.

Santa Muerte è pregata da un gruppo eterogeneo di seguaci, donne e uomini d'affari, casalinghe, avvocati, politici e infermieri. È nota soprattutto per il suo richiamo a chi vive ai margini della società e vicino alla morte. In effetti, gran parte della popolarità del Santo deriva da un contesto di accresciuta consapevolezza della morte in Messico, data la tragica quantità di violenza, morte e distruzione causata dalla guerra alla droga in corso che imperversa in tutto il Messico da molti decenni e sta solo aumentando sotto il l'attuale presidente, Andres Manuel Lopez Obrador, la cui politica di "abrazos no balazos" ("abbracci non proiettili") si è dimostrata inefficace e ha solo peggiorato la vita di coloro che devono affrontare quotidianamente la narcoviolenza sulla soglia di casa. Il femminicidio è anche un problema importante in Messico con dieci donne uccise ogni giorno e una donna viene violentata ogni venti secondi. Tale violenza di genere è trattata impunemente. In un ambiente del genere, molti invece di temere la morte hanno stretto una relazione con un santo della morte, al quale chiedono la vita e la protezione dalle atroci violenze nelle strade del Messico.

Santa Muerte offre miracoli ai devoti, garantendo loro amore, fortuna, salute, ricchezza, protezione, benessere e molto altro ancora. Santa Muerte è l'unica santa donna della morte nelle Americhe. È spesso raffigurata come una donna Triste Mietitrice equipaggiata con una falce e con indosso un sudario. [Immagine a destra] Spesso tiene in mano una bilancia che rappresenta la sua capacità di rendere giustizia a chi ha problemi con la legge o ha bisogno di vendetta. Santa Muerte a volte tiene un globo che simboleggia il suo dominio globale sul mondo come la morte stessa. Di solito appare con un gufo appollaiato ai suoi piedi. Nell'iconografia occidentale, il gufo simboleggia la saggezza e alcuni messicani vedono questo uccello notturno in modo simile. Tuttavia, l'interpretazione messicana si riferisce molto di più alla morte. Le divinità della morte indigene, gli inferi e la notte erano spesso legate ai gufi in epoca precoloniale. I gufi e il loro legame come presagio di morte sono racchiusi nel popolare proverbio messicano: "Quando il gufo stride, l'indiano muore".

Il Papa e molti vescovi hanno denunciato Santa Muerte come una narco-santa e coloro che la seguono come eretici. Anche il governo ha seguito questa strada, specialmente sotto Calderon, che ha distrutto migliaia di santuari al confine tra Stati Uniti e Messico nel futile tentativo di eliminare il traffico di droga. A volte gli esorcismi vengono persino eseguiti dal clero cattolico per eliminare gli apostati del suo spirito. Tuttavia, la maggior parte dei Santa Muertista (seguaci di Santa Muerte) vede la devozione al santo popolare come complementare alla loro fede cattolica o addirittura una parte di essa, nonostante la condanna.

Santa Muerte ha molti soprannomi familiari. È conosciuta in vari modi come Skinny Lady, Bony Lady, White Sister, Madrina, co-Madrina, Powerful Lady, White Girl e Pretty Girl, tra gli altri. Come madrina e sorella, e spesso descritta come una madre, la santa diventa un membro della famiglia soprannaturale, avvicinato con lo stesso tipo di intimità che i messicani accorderebbero tipicamente ai loro parenti. È vista come premurosa, gentile ma anche come ogni donna che viene disprezzata, può anche essere adirata. Come parte delle loro offerte, i devoti possono condividere con lei i pasti, le bevande alcoliche, il tabacco e i prodotti a base di marijuana.

In un certo senso gli aderenti la vedono come una versione soprannaturale di se stessi. Una delle principali attrazioni dei santi popolari è la loro somiglianza con i devoti e spesso un'offerta preferita, come una particolare marca di birra è anche la preferita del devoto. Proprio per questo motivo le persone si sentono più vicine ai santi popolari e credono di poter stabilire legami più forti poiché in genere condividono la stessa nazionalità e classe sociale con il loro santo popolare. Questo è il caso di Santa Muerte, che si dice capisca i bisogni dei suoi devoti. Inoltre, molti devoti sono attratti dall'effetto livellante della falce di Santa Muerte, che cancella le divisioni di razza, classe e genere. Una delle acclamazioni più ripetute è che la Bony Lady "non discrimina".

Qui sta uno dei grandi vantaggi di Santa Muerte nel mercato religioso sempre più competitivo del Messico e nella più grande economia della fede sulla terra qui negli Stati Uniti. Molto più di Gesù, i santi canonizzati e la miriade di difensori di Maria, l'attuale identità di Santa Morte è altamente flessibile. Dipende in gran parte da come i singoli devoti la percepiscono. Nonostante la sua forma scheletrica, che suggerisce morte e dormienza ai non iniziati, la Bony Lady è una figura d'azione soprannaturale che guarisce, fornisce e punisce, tra le altre cose.

È stato stimato che da 5,000,000 a 7,000,000 messicani venerano Santa Muerte, ma i numeri sono difficili da valutare e ad oggi non esistono sondaggi ufficiali. Il santo popolare fa appello a un gruppo eterogeneo che include studenti delle scuole superiori, infermiere, casalinghe, tassisti, trafficanti di droga, politici, musicisti, medici, insegnanti, agricoltori e avvocati. A causa della sua condanna da parte sia della chiesa cattolica che di quella protestante, i credenti più ricchi tendono a mantenere privata la loro devozione al santo della morte, aggiungendo alla difficoltà di quantificare quante persone sono devote al santo scheletro. Il santo ha un enorme seguito tra i più emarginati e coloro le cui professioni implicano che la morte sia sempre alle loro porte. Potrebbe trattarsi di spacciatori, ma anche poliziotti, prostitute, prigionieri, fattorini, tassisti, vigili del fuoco o minatori. In Messico, molte occupazioni che consideriamo sicure negli Stati Uniti sono pericolose. Ad esempio, i conducenti delle consegne sono ad alto rischio di essere tenuti sotto tiro dai criminali e che le loro merci e il loro furgone vengano rubati, potrebbero non vivere per raccontare la storia. La povertà è alta anche in Messico, oltre il sessantadue per cento delle persone vive con un reddito molto basso e il quarantadue per cento al di sotto della soglia di povertà. Data la mancanza di reddito, condizioni di vita precarie e narco-violenza, la morte non è mai lontana e tanti poveri figurano tra i fedeli della Dama Ossa. Le donne sono anche molto attratte dal santo popolare perché, come sottolineato, la religione offre loro opportunità in ruoli di leadership. Ma anche le donne si uniscono perché sono un gruppo ad alto rischio in Messico dato che il femminicidio è un grave; oltre dieci donne uccise ogni giorno e molte altre rapite per essere violentate, uccise o vendute alla prostituzione. I narcos non si limitano a spacciare droga, ma lavorano anche nel commercio del sesso, nella tratta degli schiavi e nel traffico di organi, tra le altre industrie inique. Molte donne chiedono alla Madre Ossa di offrire loro protezione da personaggi così malvagi e di tenere le loro famiglie al sicuro anche da loro.

In termini di regioni, il santo è più popolare nelle seguenti cinque aree: Guerrero, San Luis Potosi, Chiapas, Veracruz, Oaxaca e Città del Messico. Guerrero, sede di Acapulco, ha un fervente seguito a causa dell'elevata criminalità nella zona. Tuttavia, la santa è venerata in tutto il paese, dove occupa più spazio sugli scaffali e sul pavimento di qualsiasi altro santo in dozzine di negozi e bancarelle specializzati nella vendita di articoli religiosi e devozionali in tutto il Messico. Le sue candele sono spesso vendute nei supermercati tradizionali, specialmente nelle aree in cui molti la adorano. Le candele votive sono le più vendute di tutti i prodotti Santa Muerte. Costando solo uno o due dollari, offrono ai credenti un modo relativamente economico per ringraziare o fare petizioni al santo, ma alcuni che non possono permetterseli possono usare qualsiasi candela che riescono a trovare.

Santa Muerte, come nuovo movimento religioso, è generalmente informale e disorganizzato e solo di recente si è diffuso nel 2001. A causa di ciò e della mancanza di qualsiasi organo ufficiale che sovrintenda alla fede, ha assorbito molte influenze da altre religioni come Palo Mayombe e Santeria (a Veracruz e in altri luoghi in cui i cubani interagiscono con i messicani, specialmente in tali regioni degli Stati Uniti). Anche le influenze New Age sono diventate parte integrante di Santa Muerte, con l'esempio più ovvio di questo è l'uso dei sette colori corrispondenti ai sette chakra integrati nella fede come i sette poteri di Santa Muerte.

Negli ultimi due decenni, la Bony Lady ha accompagnato i suoi devoti nei loro attraversamenti negli Stati Uniti, stabilendosi lungo il confine lungo 2,000 miglia e nelle città degli Stati Uniti con comunità di immigrati messicani. È negli stati di confine dove è più popolare: Texas, New Mexico, Nevada, California e Arizona. La fede praticata da Latino / as, sebbene simile, tende a differire per alcuni aspetti, specialmente nei devoti di seconda generazione la cui prassi cambia da quella dei loro genitori che hanno portato con sé più tradizioni messicane. Nelle generazioni più giovani, la prassi diventa particolarmente sincretica, assorbendo influenze da altre fedi ispaniche e incorporando elementi Heavy Metal popolari negli Stati Uniti Oltre questi stati di confine, la devozione a Santa Muerte si è diffusa nelle città e nei paesi più profondi degli Stati Uniti, come indicato da la crescente disponibilità del suo armamentario devozionale.

Los Angeles è la mecca americana del santo scheletro. Ha due negozi di articoli religiosi che portano il suo nome (Botanica Santa Muerte e Botanica De La Santa Muerte) e la maggior parte delle botaniche rifornisce molti scaffali di oggetti di Santa Muerte. La Città degli Angeli offre ai devoti tre luoghi di culto dove possono ringraziare l'Angelo della Morte per i miracoli concessi o chiederle assistenza: Casa de Oracion de la Santisima Muerte (Santissima Morte Casa di Preghiera) e Templo Santa Muerte (Tempio della Santa Morte ) e uno dei più grandi santuari del santo popolare, La Basilica de la Santa Muerte. Questi sono tre dei primi templi a lei dedicati negli Stati Uniti.

Nei penitenziari messicani, texani e californiani, il culto della Dama Ossa è così diffuso che in molti è il principale oggetto di devozione e persino le guardie carcerarie possono adorarla. In meno di un decennio la santa popolare è diventata la matrona del sistema penale messicano ed è popolare anche nelle carceri americane. Quasi tutta la copertura dei notiziari televisivi sulla sua fede popolare in rapida crescita negli Stati Uniti è stata fornita dalle stazioni locali nelle città di confine. Queste notizie tendono ad essere sensazionalistiche, mettendo in scena i presunti legami di Santa Morte con il traffico di droga, l'omicidio e persino il sacrificio umano, ma non riescono a ritrarre la devozione più comune tra i molti altri gruppi che adorano il santo popolare. La base devozionale in crescita è un gruppo eterogeneo con varie afflizioni e aspirazioni che si rivolgono a lei per una serie di favori i più popolari dei quali tendono ad essere l'amore, la salute e la ricchezza.

I media ritraggono il santo scheletro come una divinità oscura a cui si rivolge per azioni sporche, poiché come la maggior parte dei santi popolari è amorale, le può essere chiesto qualsiasi cosa, anche per benedire le attività criminali. Tuttavia, Santa Muerte adorato dalla maggior parte dei credenti non è né la vergine moralmente pura né il mercenario spirituale amorale che perpetra tutti i tipi di azioni oscure, ma una figura soprannaturale flessibile che può essere chiamata per ogni sorta di miracoli ed è proprio il suo miracolo multiforme- lavoro che ha assicurato il suo fiorente seguace tra i devoti di tutti i ceti sociali.

Molto più che un oggetto di contemplazione, [Immagine a destra] la Dama Ossa è una santa dell'azione. La popolarità di Santa Muerte come santa popolare deriva anche dal suo controllo unico sulla vita e sulla morte. Ciò è particolarmente interessante negli spazi di violenza, come le prigioni o i quartieri pieni di droga; tuttavia, questo non significa che solo i narcos la adorino, perché la loro violenza mette a rischio molte altre popolazioni, compresi i bambini che figurano anche tra i suoi seguaci. La devozione, come ho notato nel mio lavoro sul campo, può iniziare molto presto. I bambini che temono il pericolo per se stessi o per i loro genitori possono rivolgersi alla santa popolare e, sebbene non siano in grado di acquistare le sue sontuose offerte, possono esprimere la loro fede in altri modi, come pulire un altare, regalarle una caramella o recitare una novena (una preghiera di nove giorni) al santo popolare. [Immagine a destra]

La sua reputazione di santa recitazione più potente e veloce è soprattutto ciò che attrae i credenti orientati ai risultati al suo altare. La maggior parte dei devoti la percepisce come una posizione più alta rispetto ad altri santi, martiri e persino alla Vergine Maria nella gerarchia celeste. La Santa Morte a volte è concepita come un arcangelo (della morte) che prende ordini solo da Dio stesso. Altre volte può anche essere considerata più potente di Dio poiché la morte è il potere ultimo e diventa simile a una dea nella sua onnipotenza e onniscienza.

Dottrine / CREDENZE

La logica della reciprocità è alla base del modo in cui i credenti ordinari cercano l'intervento divino. Proprio come nei contesti cristiani, la richiesta di un miracolo inizia con un voto o una promessa. Pertanto, i devoti chiedono miracoli alla Santa Morte nello stesso modo in cui lo farebbero da altri santi, sia popolari che ufficiali, quindi promettono di ripagarla, spesso con offerte di vettovaglie o libagioni, ma potrebbero anche offrire di cambiare i loro modi, come ad esempio smettere di giocare d'azzardo, assumere droghe, bere o guidare in modo spericolato.

Poiché molti devoti sono estremamente poveri, anche la più piccola offerta può essere significativa, come una bottiglia d'acqua, specialmente in un paese in cui l'acqua pulita è un bene prezioso. Ciò che distingue i contratti con Santa Muerte è il loro potere vincolante. Se è considerata da molti la più potente produttrice di miracoli nel panorama religioso, ha anche la reputazione di una severa punitrice di coloro che la mancano di rispetto. Si dice che Santa Muerte si vendichi di coloro che rompono le loro promesse, [Immagine a destra] questo potrebbe essere provocando disgrazie minori o addirittura provocando la morte sui loro familiari o amici.

La maggior parte dei devoti visita i santuari per rendere omaggio alla santa popolare e offrirle le offerte; è anche qui che si dicono le preghiere e si accendono le candele. Tuttavia, la maggior parte pratica la fede nell'intimità della propria casa, presso altari ad hoc che hanno assemblato. Questi possono essere semplici o decorati, a seconda del reddito del devoto e dello spazio che hanno. Potrebbero consistere in nient'altro che una piccola statua di Santa Muerte o anche solo un votivo con offerte al santo popolare, oppure l'altare potrebbe contenere molte statue grandi e sontuose del santo e figurine, come gufi e altri oggetti legati al popolo santo, come teschi. Le offerte agli altari e alle cappelle consistono spesso in alcol, a volte tequila o altri superalcolici, come il mezcal e il whisky per i più ricchi e la birra per gli squilibrati. I devoti amano anche offrire fiori, i cui colori corrispondono in generale al favore che viene chiesto; più ampio e ricco è il bouquet, meglio è. Le regalano anche i cibi; questi possono essere oggetti fatti in casa come i tamales o possono essere frutta. Le mele sono un'offerta preferita. Possono anche fornire noci, panini al cioccolato e caramelle, tra gli altri alimenti. In Messico le sigarette vengono tipicamente offerte, mentre spesso vengono offerti anche sigari presi dall'influenza cubana negli Stati Uniti. Alla Bony Lady vengono sempre offerti bicchieri o bottiglie d'acqua poiché, come la sua antenata la Parca, si dice che sia perennemente arida.

Preghiere, novene, rosari e persino "messe" per Santa Muerte generalmente conservano la forma e la struttura cattolica se non il contenuto. In questo modo, il nuovo movimento religioso offre ai neofiti la familiarità del cattolicesimo messicano insieme alla novità di venerare un santo popolare emergente. La maggior parte dei santuari e delle cappelle tengono un rosario una volta al mese in onore del santo popolare. Tuttavia, anche le credenze sulla stregoneria e sulla medicina popolare sono centrali per la fede. I devoti credono negli esagoni e nella necessità di cercare protezione dal santo popolare per spezzarli. Inoltre credono spesso nella medicina popolare e nell'importanza della purificazione spirituale.

RITUALI / PRATICHE

Attingendo fortemente alle modalità di culto cattoliche, i devoti impiegano una gamma colorata di rituali, tuttavia praticano anche la stregoneria e, come dettagliato, i rituali incorporano anche elementi della spiritualità New Age. La generale mancanza di dottrina formale e organizzazione significa che gli aderenti sono liberi di comunicare con la Santa Morte in qualsiasi modo si adatti a loro, e quindi c'è una tremenda eteroprassia, con alcuni devoti che usano tarocchi, sogni o altri metodi per "parlare" al loro santo. Le preghiere a volte sono improvvisate e progettate ad hoc per lo scopo. Tuttavia, mentre circolano libri e altri tomi, come la Biblia de la Santa Muerte (un libro di preghiere con petizioni al santo popolare presente su Amazon), sta emergendo una certa quantità di ortoprassia.

Una di queste tipiche preghiere che è emersa è stata introdotta dalla madrina del nuovo movimento religioso, Enriqueta Romero Romero (affettuosamente conosciuta come Doña Queta). Ha creato il rosario a Santa Muerte (el rosario) adattando una serie di preghiere cattoliche dedicate alla Vergine. Ha preso queste preghiere e in gran parte ha scambiato il nome della Vergine con quello di Santa Muerte per onorare il santo popolare in una cornice cattolica. Doña Queta ha organizzato i primi rosari pubblici nel suo santuario di Tepito nel 2002, e da allora la pratica è proliferata in tutto il Messico e negli Stati Uniti. Il servizio di culto mensile presso l'altare di Doña Queta attira regolarmente diverse migliaia di fedeli.

Uno dei modi più comuni per presentare petizioni a Santa Muerte è attraverso candele votive, spesso codificate a colori per il tipo specifico di intervento desiderato. I Santa Muertistas possono impiegare candele votive nel modo tradizionale cattolico o possono aggiungere a questo rituale riti di stregoneria. Circolano libri di incantesimi che spesso consigliano ai devoti di recitare preghiere, accendere candele, ma anche usare oggetti usati nella stregoneria durante i rituali. Ad esempio, un incantesimo d'amore può prevedere l'uso di un'immagine rossa di Santa Muerte, [Immagine a destra] una statua rossa di Santa Muerte ma anche una ciocca di capelli o un capo di abbigliamento di una persona amata che dovrà essere usata in uno specifico modo per lanciare l'incantesimo.

La maggior parte dei devoti usa candele votive come farebbero i cattolici principali, offrendo queste luci di cera come simboli di voti, per ringraziamenti o preghiere. Oltre alle candele, i devoti fanno offerte che corrispondono alle cose che desiderano. Ad esempio, si possono dare rose rosse per una petizione d'amore, oppure si possono offrire soldi per fortuna. I colori principali utilizzati nei rituali di Santa Muerte sono il rosso, il bianco e il nero. Questo trio ha dominato nelle fasi precedenti, ma da allora ne sono stati aggiunti molti. Il rosso è stato tipicamente per i favori legati all'amore e alla passione. Il bianco è stato per la pulizia, la guarigione e l'armonia. È noto che il nero è il colore della magia nera, della maledizione e dei narcos e dei criminali che cercano benedizioni e aiuto nelle loro attività nefaste. Tuttavia, questa è una rappresentazione errata; molti usano il nero per protezione e sicurezza e più recentemente, da COVID-19, questo colore viene utilizzato per la protezione e la guarigione dal virus.

Candele votive, fiori e colori delle statue corrispondono ai favori richiesti:

rosso: amore, romanticismo, passione, petizioni di natura sessuale
nero: vendetta, danno; protezione e sicurezza dal coronavirus
bianco: purezza, protezione, gratitudine, consacrazione, salute, purificazione
blu: focalizzazione, intuizione e concentrazione; popolare tra gli studenti
marrone: illuminazione, discernimento, saggezza
oro: denaro, prosperità, abbondanza
viola: guarigione soprannaturale, per lavorare con la magia, accesso ai regni spirituali
verde: giustizia, uguaglianza davanti alla legge
giallo: superare la dipendenza
giallo, bianco e blu: apriscatole
giallo e verde: prosperità aziendale e denaro
nero e rosso: invertire la magia nera e la sfortuna, rimandando le fatture al mittente
multicolore: molteplici interventi

ORGANIZZAZIONE / LEADERSHIP

Il lungo periodo di furtiva devozione terminò il giorno di Ognissanti, 2001. Doña Queta, [Immagine a destra] che all'epoca lavorava come venditrice di quesadilla, mostrò pubblicamente la sua effige di Santa Muerte a grandezza naturale fuori dalla sua casa a Tepito, la più notoriamente pericoloso barrio. Nel decennio successivo, il suo storico santuario è diventato il più popolare del nuovo movimento religioso in Messico. Più di ogni altro leader devozionale, Doña Queta ha svolto il ruolo di protagonista nel trasformare la venerazione occulta del santo in un movimento religioso molto nuovo.

A pochi chilometri di distanza, l'autoproclamato “Arcivescovo” David Romo fondò la prima chiesa dedicata alla Santa Muerte. Prendendo in prestito pesantemente dalla liturgia e dalla dottrina cattolica romana, la tradizionale chiesa apostolica cattolica santa Mex-USA ha offerto "messe", matrimoni, battesimi, esorcismi e altri servizi che si trovano comunemente nella maggior parte delle chiese cattoliche in America Latina, ma è stata chiusa nel 2011 quando Romo è stato arrestato per molteplici accuse penali, compreso il rapimento.

Negli Stati Uniti, il Templo Santa Muerte con sede a Los Angeles offre una gamma completa di sacramenti e servizi di tipo cattolico, inclusi matrimoni, battesimi e rosari mensili. Il sito web del Templo ospita una chat room e trasmette musica e podcast di messe a chi non può accedere ai servizi offerti dai “Professori” Sahara e Sisifo, fondatori del Templo. Entrambi i leader sono emigrati negli Stati Uniti dal Messico. L'addestramento di quest'ultimo comprendeva un apprendistato con due sciamani messicani, uno dei quali "gli ha insegnato a parlare con la Santissima Morte". I loro rituali sono molto influenzati dai riti New Age e sono altamente sincretici a causa dell'influenza degli Stati Uniti.

A pochi chilometri dall'altra parte della città si trova il Santuario Universale di Santa Muerte (Santuario Universale della Morte). The Sanctuary si trova nel cuore della comunità di immigrati messicani e centroamericani di Los Angeles. Il "Professor" Santiago Guadalupe, originario di Catemaco, Veracruz, città famosa per la stregoneria, è lo sciamano di Santa Muerte che presiede questa chiesa del negozio. Fedeli fedeli visitano il Santuario per battesimi, matrimoni, rosari, novene, esorcismi, pulizie e consigli spirituali individuali.

Enriqueta Vargas [immagine a destra] è stata uno dei leader più famosi. Ha fondato il tempio SMI (Santa Muerte Internacional) a Tultitlan nel 2008, sotto i piedi della più grande statua di Santa Muerte del mondo, che suo figlio aveva costruito prima del suo omicidio. Ha stabilito una rete di santuari in tutto il Messico e in altri paesi dell'America Latina, come il Costa Rica, diffondendo la fede. Grazie al suo uso innovativo delle piattaforme dei social media e degli strumenti di comunicazione digitale, insieme alla sua carismatica leadership in stile evangelico, l'organizzazione è diventata una fonte popolare di informazioni su Santa Muerte. È costruito su una forte comunità globale di devoti collegati attraverso la copertura video in diretta dei servizi di culto regolari presso il santuario e la divulgazione digitale su Facebook. Quando è morta nel 2018 di cancro, sua figlia ha assunto e continua il lavoro di sua madre.

Oltre a questi santuari più famosi, innumerevoli cappelle sono state aperte in tutto il Messico, con uomini e donne che diffondevano la fede. In gran parte sono state le donne ad aver stabilito il maggior numero di santuari al Santo della Morte, creando prestigio e potere per se stesse e guidando le relazioni comunitarie. Altre famose proprietarie di santuari e leader di Santa Muerte includono Yuri Mendez, che oltre un decennio fa ha stabilito il più grande santuario di Santa Muerte a Cancun; è anche il più importante nella regione di Quintana Roo. La cappella presenta innumerevoli statue della santa popolare della morte, e alcune hanno nomi di derivazione Maya, come Yuritzia, la statua più importante e potente del santuario con la quale Mendez ha un legame speciale. Mendez è considerata una guida all'interno della sua comunità. Come strega, sciamana e guaritrice auto-identificata, offre servizi di guarigione, magia e curanderismo (cura attraverso i medicinali vegetali). Come "bruja de la 3 virtudes" (strega delle tre virtù), offre ai devoti la magia rossa, nera e bianca. Il suo rosario ogni secondo giorno del mese attira centinaia di devoti. Mendez ha una visione decisamente femminista della devozione alla morte, usando il suo prestigio e il suo capitale sociale come leader di Santa Muerte per evidenziare i problemi delle donne. Questi includono il femminicidio e l'aiuto alle donne con problemi distintamente femminili, come la violenza domestica o gli uomini che non pagano per il mantenimento dei figli.

Elena Martinez Perez [Immagine a destra] è un'altra famigerata figura di Santa Muerte nella regione di Oaxaca. La zapoteca indigena sabia (donna saggia) ha stabilito il suo santuario a Oaxaca per ringraziare Santa Muerte per un miracolo di guarigione nel c. 2002. Si è espanso da una piccola struttura improvvisata ed è stato ricostruito più volte; ora è una grande e rinomata cappella che riceve centinaia di visite settimanali. La sua famiglia, in gran parte composta da donne, l'aiuta a gestirlo, pulirlo e decorarlo, mentre i suoi figli e nipoti svolgono un ruolo minore ma comunque importante nella costruzione e in altri compiti che richiedono un sollevamento pesante. Sua nuora e sua figlia più recentemente hanno aperto un negozio vicino al santuario dove vendono candele ai molti devoti che vengono a pregare. Il santuario è famoso nella regione per le sue incredibili celebrazioni in onore di Santa Muerte durante il Giorno dei Morti a novembre. Ciò include due giorni di rituali, musica e festeggiamenti durante i quali il santuario è decorato sontuosamente. Queste celebrazioni sono unicamente di Oaxaca e influenzate dalla cultura indigena.

Altre importanti proprietarie di santuari femminili sono Adriana Llubere che divenne devota nel 2000 e nel 2010 ha eretto una cappella con una statua che lei chiama Canitas, a San Mateo Atenco. [Immagine a destra] Alta un metro e ottanta centimetri, Canitas è forse l'unica rappresentazione di Santa Muerte che è in grado di stare in piedi o seduta, a seconda dei tempi o delle circostanze. Llubere è nota per far girare la sua statua su una sedia a rotelle, specialmente durante le occasioni speciali. La statua è la santa matrona non ufficiale di coloro che sono stati falsamente incarcerati. Dopo essere stata liberata dalla prigione per quelle che sostiene fossero false accuse, Llubere ha incaricato i prigionieri di Almoloya de Juárez di realizzare la statua per lei. Fino ad oggi i prigionieri lì, nei penitenziari in tutto il Messico e persino negli Stati Uniti, hanno un attaccamento speciale a questa effigie, specialmente quelli che credono che fossero innocenti. Dopo il loro rilascio, molti fanno un pellegrinaggio per ringraziare Canitas, il cui nome significa piccolo detenuto, come "en cana" (gergo per essere in prigione).

Altri importanti proprietari di santuari sono Sorraya Arredondo che possiede una grande cappella chiamata "Angel Alas Negras" (Angelo con ali nere) a Tula in Hidalgo che è dedicata unicamente a Santa Muerte nella sua forma nera e presenta una grande statua con piume conosciuta come La Guerrera Azteca , il guerriero azteco. Onora il santo popolare di origine Nahua. A circa un'ora e mezza di distanza a Tizayuca Hidalgo, Maria Dolores Hernández possiede un santuario noto come La Niña Blanca de Tizayuca, la Ragazza Bianca di Tizayuca dove offre tarocchi e altri servizi spirituali. Michelle Aguilar Espinoza e la sua famiglia possiedono un famoso santuario a San Juan Aragon chiamato la Capilla de Alondra poiché la sua effigie in legno di Santa Muerte si chiama Alondra. Brandisce una falce di legno che è stata tramandata da generazioni e si ritiene che abbia poteri speciali.

Problematiche / sfide

La Chiesa cattolica in Messico ha preso una posizione decisiva contro Santa Muerte, denunciando il nuovo movimento religioso sulla base del fatto che la venerazione della morte equivale a onorare un nemico di Cristo. [Immagine a destra] La Chiesa sostiene che Cristo ha sconfitto la morte attraverso la risurrezione; quindi, i suoi seguaci devono schierarsi contro la morte e i suoi rappresentanti, inclusa Santa Muerte. Il precedente presidente messicano, Felipe Calderon, era un membro del Partito d'Azione Nazionale (PAN), fondato da cattolici romani conservatori nel 1939. L'amministrazione di Calderon dichiarò Santa Muerte il nemico religioso numero uno dello stato messicano. Nel marzo 2009 l'esercito messicano ha demolito decine di santuari lungo la strada dedicati al santo popolare lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. Tuttavia, sotto l'attuale presidente, AMLO, c'è stata meno pressione per distruggere i santuari.

Un certo numero di boss della droga di alto profilo e individui affiliati a organizzazioni di sequestro di persona sono Santa Muertistas. La prevalenza degli altari di Santa Muerte sulle scene del crimine e nelle celle dei carcerati ha creato l'impressione che lei sia una narco-santa; tuttavia, ciò è dovuto al sensazionalismo della stampa. Molti narcos adorano San Giuda, Gesù, la Vergine di Guadalupe, El Nino de Atocha (un'avvocazione del Cristo Bambino), queste figure non hanno attirato la stessa attenzione dei media. Molti dei suoi devoti sono membri della società che sono stati emarginati dall'ordine sociale prevalente. Ciò potrebbe essere dovuto al loro orientamento sessuale o alla loro classe, dal momento che la classe operaia è tipicamente disprezzata. In entrambi i casi, a causa del loro basso status agli occhi delle classi superiori e dei potenti, loro e la loro fede vengono spesso liquidati come devianti.

IMMAGINI**
** Tutte le foto qui contenute sono proprietà intellettuale di Kate Kingsbury o R. Andrew Chesnut. Sono presenti nel profilo come parte di un contratto di licenza una tantum con il World Religions and Spirituality Project. La riproduzione o altro uso è proibito.

Immagine # 1: Una statua di roccia vulcanica di Santa Muerte nel tempio del santo popolare a Morelia, Michoacan con candele votive accese.
Immagine # 2: una rappresentazione indigena di Santa Muerte piena di copricapo piumato azteco.
Immagine # 3: Santa Muerte raffigurata come colei che consegna la giustizia, tenendo la bilancia in mano.
Immagine # 4: Devoto di Santa Muerte con in mano le sue due statue, che ha portato a Tepito per essere benedetto al Rosario che si tiene nel famoso santuario di Doña Queta.
Immagine # 5: Giovane donna devota di Santa Muerte che stringe la sua statua del Santo della Morte proprio mentre si aggrappa alla vita che vive nel pericoloso quartiere di Tepito.
Immagine # 6: una carta di dipendenza da Santa Muerte su cui un devoto si impegna al santo popolare di smettere di bere o di assumere droghe o di impegnarsi in altri vizi per un determinato periodo di tempo.
Immagine # 7: Candela votiva di Santa Muerte che brucia vivacemente con i desideri più profondi di un devoto di Santa Muerte che l'ha accesa per supplicare il santo per un favore speciale.
Immagine # 8: Doña Queta benedice una bambina nel suo negozio a Tepito che confina con il famoso santuario che ha fondato a Santa Muerte.
Immagine # 9: Enriqueta Vargas, l'altro grande pioniere devozionale, che ha istituito una rete transnazionale di chiese nota come SMI (Santa Muerte Internacional) che si estende attraverso le Americhe e persino nel Regno Unito
Immagine # 10: Yuri Mendez, leader del più grande santuario di Santa Muerte a Quintana Roo, si identifica come bruja (strega), curandera (guaritrice) e sciamano di Santa Muerte.
Immagine # 11: Doña Elena, leader della prima e più importante cappella di Santa Muerte nella regione di Oaxaca. Il leader zapoteca si trova davanti a una statua di Santa Muerte raffigurata come indigena.
Immagine # 12: Poster che denuncia Santa Muerte come satanica.

RIFERIMENTI**

** Il materiale in questo profilo è tratto dai seguenti documenti e libri: Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "Folk messicano Saint Santa Muerte: il nuovo movimento religioso in più rapida crescita in Occidente", The Global Catholic Review; Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2021. "Syncretic Santa Muerte: Holy Death and Religious Bricolage." Religioni 12: 212-32; e R. Andrew Chesnut, Dedicato alla morte (Oxford 2012).

RISORSE SUPPLEMENTARI

Aguirre, Beltran. 1958. Cuijla esbozo etnográfico de un pueblo negro Lecturas Mexicanas.

Aridjis, Eva, dir. 2008. La Santa Muerte. Navarra, FL: Navarre Press.

Aridjis, Homero. 2004. La Santa Muerte: Sexteto del amor, las mujeres, los perros y la muerte. Città del Messico: Conaculta.

Bernal S., María de la Luz. 1982. Mitos y magos mexicanos. Seconda edizione. Colonia Juárez, Messico: Grupo Editorial Gaceta.

Chesnut, R. Andrew. 2012. "Santa Muerte: devozione del Messico al santo della morte". Huffington Post, 7 gennaio. Accesso da http://www.huffingtonpost.com/r-andrew-chesnut/santa-muerte-saint-of-death_b_1189557.html
su 25 March 2021.

Chesnut, R. Andrew. 2003. Spiriti competitivi: la nuova economia religiosa dell'America Latina. New York: Oxford University Press.

Cortes, Fernando, dir. 1976. El miedo no anda en burro. Diana Films.

Del Toro, Paco, dir. 2007. La Santa Muerte. Armagedon Producciones.

Graziano, Frank. 2007. Culture of Devotion: Folk Saints of Spanish America. New York: Oxford University Press.

Grimm, Jacob e Wilhelm Grimm. 1974. "Godfather Death". Racconto 44 in The Complete Grimm's Fairy Tales. New York: Pantheon. Accessibile da http://www.pitt.edu/~dash/grimm044.html su 20 Febbraio 2012.

Holman, E. Bryant. 2007. La Santisima Muerte: un santo popolare messicano. Auto-pubblicato.

Kelly, Isabel. 1965. Pratiche popolari nel nord del Messico: abitudini di nascita, medicina popolare e spiritualismo nella zona di Laguna. Austin: University of Texas Press.

Kingsbury, Kate 2021. "Pericolo, angoscia e morte: seguaci di Santa Muerte". In Una visione globale della violenza: persecuzione, media e martirio nel cristianesimo mondiale, a cura di D. Kirkpatrick e J. Bruner. New Brunswick: Rutgers University Press.

Kingsbury, Kate. 2021. "Morte a Cancun: sole, mare e Santa Muerte." "Trimestrale di antropologia e umanesimo 46: 1-16

Kingsbury, Kate. 2020. "At Death`s Door a Cancun: incontro con la strega di Santa Muerte Yuri Mendez". Santo scheletro. Accessibile da https://skeletonsaint.com/2020/02/21/at-deaths-door-in-cancun-meeting-santa-muerte-witch-yuri-mendez/ su 25 March 2021.

Kingsbury, Kate. 2020. "La morte è opera delle donne: le seguaci di Santa Muerte". Giornale internazionale delle religioni latinoamericane 5: 1-23.

Kingsbury, Kate. 2020. "Doctor Death and Coronavirus". Anthropologica 63: 311-21.

Kingsbury, Kate. 2018. "Mighty Mexican Mothers: Santa Muerte as Female Empowerment in Oaxaca". Santo scheletro. Accessibile da https://www.google.com/search?client=firefox-b-1-d&q=Mighty+Mexican+Mothers%3A+Santa+Muerte+as+Female+Empowerment+in+Oaxaca  su 25 March 2021.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2021. "Syncretic Santa Muerte: Holy Death and Religious Bricolage." Religioni 12: 212-32.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "Santa morte in tempi di Coronavirus: Santa Muerte, la santa salubre del Messico". Giornale internazionale delle religioni latinoamericane 4: 194-217.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "Vita e morte ai tempi del Coronavirus: Santa Muerte, la 'Santa Guaritrice'", La Rivista Cattolica Globale. Accessibile da https://www.patheos.com/blogs/theglobalcatholicreview/2020/03/life-and-death-in-the-time-of-coronavirus-santa-muerte-the-holy-healer/ su 25 March 2021.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "Folk messicano Saint Santa Muerte: il nuovo movimento religioso in più rapida crescita in Occidente", La Rivista Cattolica Globale. Accessibile da https://www.patheos.com/blogs/theglobalcatholicreview/2019/10/mexican-folk-saint-santa-muerte-the-fastest-growing-new-religious-movement-in-the-west/ il 25 marzo 2021.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "Not Just a Narcosaint: Santa Muerte as Matron Saint of the Mexican Drug War". Giornale Internazionale dell'America Latina Religioni 4: 25-47.

Kingsbury, Kate e Chesnut, Andrew. 2020. "Santa Muerte: Sainte Matronne de l'amour et de la mort." Antropologico 62: 380-93.

Kingsbury, Kate e Andrew Chesnut. 2020. "The Materiality of Mother Muerte in Michoacan: The Tangibility of Devotion to Saint Death". Santo scheletro. Accessibile da https://skeletonsaint.com/2020/12/12/the-materiality-of-mother-muerte-in-michoacan/ su 25 March 2021.

La Biblia de la Santa Muerte. 2008. Città del Messico: Editores Mexicanos Unidos.

Lewis, Oscar. 1961. I bambini di Sánchez: Autobiografia di una famiglia messicana. New York: Random House.

Lomnitz, Claudio. 2008. La morte e l'idea del Messico. New York: Zone Books.

Martínez Gil, Fernando. 1993. Muerte y sociedad en la España de los Austrias. Messico: Siglo Veintiuno Editores.

Navarrete, Carlos. 1982. San Pascualito Rey e il culto a la muerte in Chiapas. Città del Messico: Universidad Nacional Autónoma de México, Instituto de Investigaciones Antropológicas.

Olavarrieta Marenco, Marcela. 1977. Magia en los Tuxtlas, Veracruz. Città del Messico: Instituto Nacional Indigenista.

Perdigón Castañeda, J. Katia. 2008. La Santa Muerte: Protectora de los hombres. Città del Messico: Instituto Nacional de Antropología e Historia.

Thompson, John. 1998. "Santísima Muerte: sull'origine e lo sviluppo di un'immagine occulta messicana". Journal of the Southwest 40: 405-436.

Toro, Frances. 1947. Un tesoro di Folkways messicani. New York: corona.

Villarreal, Mario. "Elezioni messicane: i candidati". American Enterprise Institute. Accessibile da http://www.aei.org/docLib/20060503_VillarrealMexicanElections.pdf. su 20 Febbraio 2012.

Data di pubblicazione:
26 marzo 2021

 

 

Share